Un'istantanea dell'ultimo Juve-Roma di campionato
Un'istantanea dell'ultimo Juve-Roma di campionato

Roma, 14 marzo 2018 - Undici anni dopo, il calcio italiano può di nuovo brindare per la qualificazione di due sue rappresentati ai quarti di finale di Champions League. Nella stagione 2006/07 toccò a Milan e Roma tenere alto l'onore nazionale, con i rossoneri capaci di arrivare fino in fondo e di alzare la coppa nel cielo di Atene. A questo giro invece sono Juventus (terza volta negli ultimi quattro anni) e ancora la Roma (prima volta a distanza di dieci stagioni) ad approdare nel lotto delle migliori otto squadre d'Europa. Un risultato che non può che dare lustro all'intero movimento, alla disperata ricerca di una risalita, specie dopo il mancato accesso della Nazionale ai prossimi Mondiali.

Occhio però, perché venerdì il sorteggio di Nyon, essendo aperto, potrebbe anche regalare un derby italiano ai quarti. E sarebbe la prima volta dalla sfida fra Milan e Inter del 2005 che due formazioni del Belpaese incrociano le proprie strade. Ma nel caso di Juve e Roma ciò rappresenterebbe una novità assoluta, visto che bianconeri e giallorossi mai si sono fronteggiati in campo internazionale. L'Italia avrebbe sì la certezza di avere una squadra almeno in semifinale (traguardo tagliato dalla Signora in due delle ultime tre annate), ma perché non puntare lo sguardo ancora più in là? Vero che in gioco restano ancora Real Madrid, Bayern Monaco, Manchester City e forse Barcellona, ma è altrettanto vero che in questa edizione della Champions entrambe hanno dimostrato di potersela vedere con chiunque.

Ed esiste sempre la possibilità di sperare in un accoppiamento più favorevole pescando Liverpool e Siviglia. Già, perché c'è un altro po' di Italia nei quarti: Vincenzo Montella e i suoi ragazzi hanno riscritto la propria storia, estrapolando dalla manifestazione il Manchester United ed entrando per la prima volta fra le magnifiche otto d'Europa. Obiettivo anche di Antonio Conte, con il suo Chelsea chiamato stasera all'impresa al Camp Nou per passare il turno. Sarebbe una sorta di en plein per il calcio nostrano, tornato ormai a recitare un ruolo di primissimo piano in Champions. E il bello deve ancora venire...