Ceferin (ANSA)
Ceferin (ANSA)

Bruxelles (Belgio), 3 aprile 2020 - La scelta della federazione calcistica belga di chiudere anzitempo la stagione e di assegnare il titolo al Bruges non è andata giù alla UEFA che per bocca del suo presidente Aleksander Ceferin ha sferrato un duro attacco minacciando addirittura l’esclusione dalle coppe europee per le squadre belghe: “Non penso che questa sia stata la scelta giusta – ha detto Ceferin ai media tedeschi – perché non si può chiedere aiuto e poi decidere autonomamente. Chi pensa di adottare una soluzione simile a quella del Belgio sappia che rischia di non partecipare alle coppe europee del prossimo anno”.

Il presidente della UEFA non ha poi escluso la possibilità termina la stagione del calcio europeo a porte chiuse magari in piena estate dal momento che gli Europei, così come le Olimpiadi, sono stati rinviati: “Giocare davanti a migliaia di tifosi non è ovviamente come giocare a porte chiuse, ma credo che sia comunque meglio giocare senza pubblico e vedere le gare in TV piuttosto che non giocare affatto. La gente ama il calcio e lo vuole vedere perché porta qualcosa di positivo. Per questo ritengo probabile che si giochi anche in luglio e agosto”.