Nainggolan, futuro lontano da Cagliari (Ansa)
Nainggolan, futuro lontano da Cagliari (Ansa)

Bologna, 31 agosto 2020 - Ciro Immobile-Lazio, un binomio destinato a durare a lungo: per la precisione fino al 2025, come si evince dal rinnovo suggellato in mattinata tra le parti e annunciato da un tweet del club biancoceleste. Il bomber di Torre Annunziata incasserà 4 milioni netti (7,4 milioni lordi) per i prossimi 5 anni, mettendo così fine alle voci che lo volevano lontano dalla Capitale.

Rinnovo anche in casa Bologna: il capitano Andrea Poli resterà nel capoluogo emiliano fino al 2022 senza avere neanche la certezza del posto da titolare in mezzo al campo. In casa rossoblù vige infatti la linea verde varata dalla società, che tramite la voce del ds Riccardo Bigon ha confermato ai microfoni di Sky Sport 24 l'interesse per l'attaccante classe 2000 Vladyslav Supryaga: "Tra noi e la Dinamo Kiev è in corso una trattativa, ma è un'operazione complicata che eventualmente potrebbe svilupparsi solo nelle prossime settimane".

C'è invece aria di separazione tra il Cagliari e Radja Nainggolan, che oggi ha salutato la Sardegna direzione Milano, sponda Inter. Addio o arrivederci? Molto dipenderà dalle valutazioni di Antonio Conte, ma intanto il club di Tommaso Giulini si cautela rinforzando il centrocampo con l'innesto di Razvan Marin. Il quasi ex regista dell'Ajax ha effettuato le visite mediche di rito a Roma e poi è partito alla volta di Cagliari. Intercettato da microfoni e taccuini, il rumeno ha commentato così la sua scelta: "Questa è la migliore destinazione per il prosieguo della mia carriera".

Non solo volti nuovi: il calciomercato è fatto anche di ritorni di fiamma, come quello che si consumerà a breve tra il Siviglia e Ivan Rakitic, che rientra tra gli "epurati" di Ronald Koeman, neo allenatore del Barcellona. Il croato rimpiazzerà a centrocampo il partente Ever Banega e sarà il terzo acquisto della società andalusa dopo il riscatto di Suso dal Milan e l'arrivo di Oscar Rodriguez dal Real Madrid.

Dietrofront in casa Fiorentina: Dusan Vlahovic non si muoverà per espressa richiesta di Beppe Iachini. A rimanere a bocca asciutta è l'Hellas Verona, che pregustava l'arrivo in prestito del serbo. Niente da fare, a meno che non si vesta di viola uno tra Krzysztof Piatek e Mario Mandzukic. L'altra possibilità per Vlahovic di cambiare aria è che si riapra la pista che porta ad Alessandro Florenzi: la Roma potrebbe infatti chiedere lo scambio tra il laterale, ormai fuori dal progetto e il classe 2000, individuato come un possibile degno erede di Edin Dzeko.