Steven Nzonzi, 30 anni
Steven Nzonzi, 30 anni

Roma, 14 agosto 2019 - Per sbloccare il mercato in entrata notoriamente occorre liberarsi degli esuberi: in tal senso nelle ultime ore il ds Gianluca Petrachi sta lavorando alacremente per cedere chi è fuori dal progetto, come Steven Nzonzi.

NODO FORMULA - Sembrava che la probabile nuova destinazione del francese fosse da cercare proprio in Ligue 1, ma l'affondo decisivo a sorpresa l'ha operato il Galatasaray, vicino a trovare l'accordo con la Roma per accaparrarsi il centrocampista con la formula del prestito secco. Il nodo, l'ultimo, da superare riguarda il futuro del classe '88: i giallorossi vorrebbero apporre l'obbligo di riscatto sulla base di 15 milioni, ma è più probabile invece che si vada verso il semplice diritto, da esercitare tra un anno in alternativa a un rinnovo del medesimo accordo per un'altra stagione. Quel che è certo è che Nzonzi a breve vestirà un'altra maglia, portando una bella boccata d'ossigeno alle casse del club capitolino soprattutto per quanto riguarda lo stipendio: l'ex Siviglia guadagna infatti 3 milioni, cifra che sarà versata totalmente dal Galatasaray, che con il blitz delle ultime ore ha battuto la forte concorrenza del Monaco. Finisce così quindi la tormentata storia tra la Roma e Nzonzi, durata appena un anno e appesantita fin da subito da due fattori: l'alto costo del cartellino (26 milioni di base fissa più 4 di bonus) e i tanti guai fisici accusati dal fragile gigante francese, che a breve svestirà quella casacca giallorossa indossata 39 volte, con a referto la miseria di un gol e 2 assist.

SI RIVEDONO VERETOUT E PASTORE - E dire che l'ex Siviglia è il terzo giocatore più pagato della rosa, dopo altri due possibili partenti come Edin Dzeko e Javier Pastore. Le buone nuove arrivano da quest'ultimo, che stamattina, alla ripresa dei lavori dopo i due giorni di riposo concessi da Paulo Fonseca, si è allenato in parte con il gruppo. Insieme all'argentino ha effettuato il medesimo percorso Jordan Veretout, uno che invece sarà il perno della Roma che è in cantiere. Infortuni permettendo: il francese, fin dal suo sbarco nella Capitale datato 24 luglio, non è mai stato a disposizione del tecnico portoghese a causa di una botta alla caviglia sinistra ricevuta da Dabo a Moena, sede del ritiro estivo della Fiorentina. Una brutta eredità del recente passato vicina a diventare presto un ricordo, così come è destinato a una sorte analoga il suo connazionale e quasi ex compagno di reparto Nzonzi, a un passo dal Galatasaray.