Mauro Icardi
Mauro Icardi

Milano, 23 agosto 2019 - Daniele Rugani e Mauro Icardi restano due casi spinosi, chi per un motivo chi per un altro, per Juventus e Inter. Il difensore ex Empoli non è partito con i compagni alla volta di Parma, a testimonianza di come il suo addio ai bianconeri sia praticamente scontato. I campioni d'Italia tuttavia non hanno ancora chiuso l'accordo con la Roma, ma le parti sono in contatto per trovare la quadra. In casa dei nerazzurri invece la cessione di Maurito è ancora avvolta dal mistero. O meglio, la società lo ha messo alla porta, ma l'argentino ha rifiutato le proposte pervenutegli. Tutte tranne quella della Juve, che spera - cedendo Mandzukic e magari pure uno fra Dybala e Higuain - di assicurarsi il classe '93 negli ultimi giorni di mercato.

Intanto l'Inter gli ha tolto la sua cara numero 9 (che invece resta libera alla Vecchia Signora...), assegnandogli la 7. Ciò significa che, se Alexis Sachez dovesse sbarcare a Milano, otterrebbe la sua maglia preferita solo in caso di un addio di Icardi. Il cileno spinge per raggiungere la truppa di Antonio Conte, ma fra Inter e Manchester United manca l'intesa relativa alla parte di ingaggio che gli inglesi dovrebbero pagare.

Il club lombardo nel frattempo lavora anche allo scambio con la Fiorentina fra Dalbert e Biraghi. I viola invece, dopo il colpo Ribery, sono vicini ad assicurarsi lo svincolato Martin Cáceres. Un altro ex juventino come Fernando Llorente anima queste ore di mercato: sullo spagnolo, anch'egli senza squadra, ci sono Napoli, Inter, Fiorentina e Manchester United, con i Red Devils rimasti senza centravanti di ruolo dopo aver venduto Romelu Lukaku. Infine, il capitolo Federico Chiesa: l'esterno offensivo classe '97, a lungo corteggiato dalle big italiane (in primis Juve e Inter) e non, sembra ormai destinato a rimanere a Firenze. A confermarlo il presidente dei viola, Rocco Commisso: "Avevo promesso di non portare via Chiesa dalla Fiorentina ad un bambino dell’ospedale pediatrico Meyer ed ho mantenuto la parola data".