Chiesa con la maglia della Fiorentina
Chiesa con la maglia della Fiorentina

Bologna, 24 giugno 2019- Sono giorni importanti per capire quale sarà il destino della nuova Fiorentina. Il cambio di proprietà ha restituito speranza a tutti i tifosi che già sognano i colpi più  importanti per questa estate di calciomercato. Prima di pensare ai giocatori in entrata, c'è prima bisogno di blindare i gioielli viola su cui costruire la squadra del futuro. Uno di questi è Federico Chiesa: il giovanissimo talento è già stato adocchiato dai più grandi club della nostra Serie A, compresa la Juventus che proprio qualche settimana fa sembrava molto vicina alla chiusura dell'affare.

A smentire tutte le voci di una sua possibile partenza ci ha pensato lo stesso presidente Rocco Commisso, presente quest'oggi Piazza Santa Croce per la finale del Calcio Storico: "Io non faccio promesse se non le posso mantenere. Chiesa rimane? Io fino a oggi posso dire che resta, poi non so se c'è qualcosa che non conosco io, ma al 99% ci sta che resti per un anno".

Mentre la Fiorentina ragiona ancora sulle questioni di calciomercato, Parma e Lazio sono vicinissime ad affondare altri tre colpi. I gialloblù hanno deciso di fare bottino pieno mettendo le mani su Luigi Sepe e Alberto Grassi: per entrambi si parla di 5 milioni di euro, ma soltanto il portiere verrà acquistato a titolo definitivo, mentre per il centrocampista la formula sarà quella del prestito secco.

I biancocelesti invece sono vicinissimi alla chiusura della trattativa per Jony. Il centrocampista arriverà da Málaga nei prossimi giorni per una cifra che si aggira attorno ai 2 milioni di euro, mentre per lui è già pronto un contratto quadriennale da 1.5 milioni di euro a stagione. Lotito accontenta così le richieste di Simone Inzaghi a cui servivano due esterni per rinforzare la rosa in vista della prossima stagione. Per l'altra parte del campo invece si parla di Manuel Lazzari, anche se per adesso i 18 milioni richiesti dalla SPAL per il suo cartellino sembrano una cifra eccessiva ai vertici della Lazio.