Dries Mertens (Ansa)
Dries Mertens (Ansa)

Cagliari, 16 febbraio 2020 - E' un gran destro a giro di Mertens a permettere al Napoli di battere a domicilio un Cagliari sempre più in crisi di risultati e di gioco: è invece in netta ripresa il rendimento degli azzurri che, proprio come richiesto in conferenza stampa da Rino Gattuso, adesso sanno soffrire e sembrano pronti a dare serialmente l'assalto alla zona Europa.

PARTITA A SCACCHI - La prima emozione del match è firmata Fabian Ruiz al 4': lo spagnolo riceve sulla trequarti, si accentra e scocca il mancino ma stavolta, a differenza della gara di Coppa Italia contro l'Inter, l'esito è infausto. In generale, il pallino del gioco è nelle mani del Napoli, che invita il Cagliari a pressare alto per poi costruire dal basso e ripartire in velocità. E' così che alla mezz'ora nasce il blitz di Elmas, abbattuto al limite dell'area da Walukiewicz, ammonito nell'occasione: della punizione se ne incarica Mertens, ma il suo destro a giro termina abbondantemente fuori. Al 35' Pereiro prova a imitare Elmas, mettendosi in proprio: Maksimovic e Hysaj sono facilmente saltati in dribbling, ma la conclusione dell'uruguiano si spegne solo sull'esterno della rete.

MERTENS A GIRO - Dopo 10' dall'inizio della ripresa Zielinski scarica il mancino dalla distanza: Cragno si allunga e si rifugia in corner. Sull'altro fronte replica con lo stesso fondamentale Simeone, ma il suo destro termina addirittura sul fondo. Gattuso prova a spezzare l'equilibrio dando il via alla girandola dei cambi: a uscire è Demme, a entrare è Insigne, con Elmas che si abbassa sulla linea del centrocampo e Ruiz in cabina di regia. La scossa arriva ma da un uomo già in campo: è il 65' e Mertens, ricevuta la sfera da Hysaj, la colloca nell'angolino opposto dopo un bacio al palo. Maran corre ai ripari inserendo Paloschi per Pereiro, Mattiello per Walukiewicz e Birsa per Cigarini e come risposta arriva il tentativo di Pellegrini dalla distanza: Ospina c'è. Sul ribaltamento Mertens potrebbe chiudere i giochi con una botta al volo su suggerimento di Elmas, ma stavolta la mira è imprecisa. Gattuso completa la girandola delle sostituzioni lanciando Politano e Mario Rui per Callejon e l'acciaccato Hysaj. Il Cagliari comincia il forcing conclusivo: l'unico pericolo che ne nasce per Ospina è una botta dalla distanza di Klavan, disinnescata così come l'intero team rossoblù. A sorridere è la banda Gattuso, ancora vittoriosa lontano dal San Paolo e sempre più lanciata verso la rincorsa a un posto in Europa.