I calciatori del Cagliari rinunciano a una mensilità
I calciatori del Cagliari rinunciano a una mensilità

Cagliari, 11 maggio 2020 - La ripresa del campionato è ancora lontana e le questioni legate agli stipendi non sono ancora terminate. Ci sono società di Serie A che ancora non hanno trovato l'accordo con i propri giocatori sulla ridistribuzione delle mensilità, ma tra queste non vi è più il Cagliari che ha comunicato ufficialmente di aver risolto la questione.

Il presidente Giulini e i calciatori della prima squadra hanno trovato un accordo secondo cui tutti questi ultimi non percepiranno volontariamente lo stipendio del mese di aprile per venire incontro alle esigenze societarie e agli altri dipendenti della squadra che avrebbero rischiato il lavoro. Questo il comunicato ufficiale della squadra

"La società Cagliari Calcio comunica che nella giornata odierna è stata raggiunta una transazione con tutti i giocatori della prima squadra che prevede la rinuncia agli emolumenti della mensilità di aprile 2020. Il Presidente Tommaso Giulini ringrazia gli atleti che hanno sottoscritto l’accordo per la sensibilità dimostrata nel voler concretamente contribuire a tutelare la società, in un periodo particolarmente complicato e di difficile previsione in merito alla evoluzione futura. Come richiesto anche dai firmatari del documento, tale transazione contribuirà a portare ad una drastica riduzione dello strumento della cassa integrazione per i dipendenti della società". 

Il Cagliari dunque si muove in una direzione già tracciata dalla Roma, dove i calciatori in quel caso avevano rinunciato addirittura a due mensilità intere. Con la ripresa degli allenamenti invece non ci dovrebbero essere problemi per il mese di maggio, sempre con la speranza che si possa rientrare nel prossimo giugno.