Esultanza Pinamonti
Esultanza Pinamonti

Brescia, 27 giugno 2020 - Termina 2-2 l’anticipo delle 17.15 tra Brescia e Genoa. Le Rondinelle si portano sul doppio vantaggio nel giro di 3’ (10' e 13') con il gol di Donnarumma e Semprini, mentre il Grifone la riacciuffa con due calci di rigore. Il primo lo realizza Iago Falque al 39’, il secondo Pinamonti nella ripresa. Con questo pareggio, gli uomini di Lopez raggiungono momentaneamente la Spal a 18, ma sprecano una grande occasione per rientrare in gioco per la salvezza, distante 8 punti. Altresì, gli uomini di Nicola muovono la classifica, agganciano la Sampdoria a quota 26 e si portano a +1 sul Lecce terzultimo.

Serie A, risultati e classifiche

CRONACA - Donnarumma e Semprini portano sul doppio vantaggio il Brescia, Iago Falque, nel finale, dal dischetto accorcia le distanze. Questo regala il primo tempo tra le Rondinelle e il Grifone. All’8’ gli ospiti vanno ad un passo dall’1-0 con Destro, Joronen si allunga sulla destra e devia in calcio d’angolo. Scampato il pericolo, il Brescia trova l’1-0: cross perfetto in mezzo all’area di rigore di Sabelli e Donnarumma, con un preciso rasoterra, buca Perin. Per l’ex attaccante dell’Empoli si tratta del 2° gol consecutivo, dopo quello con la Fiorentina, e del 6° stagionale. Altri 3’ e gli uomini di Diego Lopez raddoppiano: volata offensiva di Bjarnason, cross e Semprini, con una zampata da vero rapace d’area di rigore, realizza il 2-0. Primo gol in Serie A per il giovane difensore, prodotto del vivaio bresciano. Il Genoa accusa il colpo e solo nel finale di prima frazione rientra nel match. Al 39’ gli uomini di Nicola dimezzano lo svantaggio con il perfetto calcio di rigore di Iago Falque: l’ex Torino spiazza Joronen e realizza il suo secondo rigore di fila, dopo quello con il Parma dello scorso turno. Da segnalare che il penalty viene concesso per un presunto fallo di Papetti su Romero. All’ultimo dei quattro minuti di recupero gli ospiti sfiorano il 2-2: prima Behrami conclude dalla distanza e Joronen si fa trovare pronto, poi, sulla ribattuta Iago Falque tenta da posizione ravvicinata, ma l’estremo difensore finlandese risponde presente.

Il Genoa, nella ripresa, acciuffa il pareggio sempre dagli 11 metri, questa volta con Pinamonti e porta a casa un punto d’oro in chiave salvezza. Pronti via, Iago Falque prova a beffare Joronen direttamente da calcio d’angolo, il numero 1 è attento e devia ancora in corner. Tre giri d’orologio e giunge la risposta del Brescia, il tiro di Donnarumma è preda di Perin. Gli ospiti al 58’ sfiorano il 2-2 con Pinamonti, che si gira di prima intenzione e non trova per poco il bersaglio grosso. Altri 8’ e il Grifone va ancora vicino al 2-2 con Pandev, la sua conclusione va fuori di pochissimo. Passano 6’ e gli uomini di Nicola pervengono al pareggio, ancora dagli 11 metri (Irrati decreta la massima punizione per un fallo di mano di Dessena dopo il colpo di testa di Romero). Dal dischetto Pinamonti calcia magistralmente e Joronen, pur intuendo la direzione, non può nulla. Il Brescia, subito il gol, prova a farsi vedere dalle parti di Perin con il neo entrato Ayè, il tentativo del numero 18 è debole e l’estremo difensore genoano blocca senza patemi. Nel finale il Grifone sfiora addirittura la vittoria, ma Joronen si oppone sia a Sturaro che a Sanabria. I sette minuti di recupero non regalano spunti degni di nota e le due compagini si dividono la posta in palio. Le Rondinelle toccano quota 18 e gettano alle ortiche una grossa chance per rientrare pienamente in zona salvezza (seconda rimonta dopo quella subita con la Fiorentina); altresì, come detto, il Grifone porta a casa un punto importante per la salvezza: ora, i rossoblù sono a  +1 sul terzultimo posto, occupato dal Lecce.

Tabellino

Brescia (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Papetti, Mateju, Semprini (68’ Martella); Bjarnason (84’ Romulo), Tonali (83’ Ghezzi), Dessena; Zmrhal (72’ Ayè); Donnarumma, Torregrossa (68’ Skrabb). Allenatore: Diego Lopez

Genoa (3-4-1-2): Perin; Romero, Soumaoro (53’ Schone), Zapata; Biraschi, Sturaro, Behrami (67’ Lerager), Barreca (59’ Ghiglione); Iago Falque (53’ Pandev); Pinamonti, Destro (59’ Sanabria). Allenatore: Davide Nicola

Arbitro: Massimiliano Irrati

Reti: 10’ Donnarumma (B), 13’ Semprini (B), 39’ rig. Iago Falque (G), 71’ rig. Pinamonti (G)

Ammoniti: Mateju, Bjarnason, Dessena, Sabelli (B); Zapata, Biraschi (G)