Simone Verdi
Simone Verdi

Bologna, 15 gennaio 2018 – Prosegue la telenovela Simone Verdi. Il ragazzo ancora oggi era a Bologna ad allenarsi, ma in queste ore sono previsti nuovi contatti con il Napoli che ottimizzerà la propria offerta economica. Le cifre? 1.8 milioni a stagione di base fissa più bonus, per un totale di circa 2 milioni. Oggi Verdi si è allenato a Casteldebole, in campo la mattina per esercitazioni tattiche di centrocampisti e attaccanti, in palestra nel pomeriggio quando in campo sono andati i difensori. In serata previsti colloqui con il Napoli, Giuntoli conta di metterlo a disposizione di Sarri da giovedì e renderlo già convocabile con l’Atalanta. Resta però l’indecisione di fondo di Verdi, ancora non del tutto convinto della destinazione azzurra. Già da domani se ne saprà di più, in primo luogo perché Verdi potrebbe saltare i test atletici in programma a Casteldebole per viaggiare in direzione Napoli, in secondo luogo perché gli azzurri vogliono chiudere in un modo o nell’altro nelle prossime 48 ore. Se sarà sì, Verdi scenderà a Napoli per le visite mediche e la firma. Se sarà no, la trattativa potrebbe definitivamente saltare e Verdi sarà convocato non da Sarri ma da Donadoni per la sfida al Benevento.

Calciomercato gennaio 2018, aggiornamenti del 16 gennaio: l'Inter non si ferma, sirene per il Ninja

L’ATALANTA RESISTE PER ORSOLINI – Nel caso Verdi partisse, il Bologna avrebbe individuato in Riccardo Orsolini il sostituto. Il Bologna ha il benestare della Juve per un prestito con diritto di riscatto a 7 milioni e controriscatto a 12, ma è l’Atalanta a fare resistenza. La Dea vorrebbe trattenere Orsolini, in prestito biennale proprio dalla Juve, e sta cercando di resistere all’uscita del ragazzo verso Bologna. Evidentemente, nonostante il poco minutaggio, i bergamaschi vogliono puntare sull’esterno soprattutto in vista della prossima stagione. La seconda pista porterebbe a D’Alessandro, ma il club rossoblù è intenzionato ad andare con decisione su Orsolini, capocannoniere al Mondiale Under 20 e prospetto tra i più futuribili in Italia.

DI FRA E MASINA INFLUENZATI – Per quanto riguarda il lavoro della squadra a Casteldebole, si registrano due defezioni. Non si sono allenati infatti né Federico Di Francesco né Adam Masina, entrambi fermati dall’influenza. Lo staff conta però di recuperarli in tempo per il Benevento. Assenti anche Taider e Pulgar in permesso, ma il primo è destinato a essere ceduto.