Un contrasto tra Ronaldo e Calabresi
Un contrasto tra Ronaldo e Calabresi

Bologna, 23 gennaio 2019 – Il primo dei due scontri salvezza ha portato un punto al Bologna in quel di Ferrara, ma domenica col Frosinone la squadra di Inzaghi dovrà tornare a fare ciò che manca da fine settembre: vincere. Tre punti diventano basilari per lanciare la rincorsa salvezza e da ora in avanti il minimo errore può essere pagato caro.

CALABRESI IL DUTTILE – Nella giornata di oggi ha parlato il difensore Arturo Calabresi, che ha visto cambiare ruolo col passaggio dal 3-5-2 al 4-3-3. Da centrale di destra a terzino, per il figlio d’arte la duttilità è un grande vantaggio: “Sono un difensore molto duttile – ha affermato a Bfc Tv – Mi posso adattare in tanti ruoli e sono a disposizione del mister, faccio ciò che mi chiede e lavoro sodo per migliorare e dare una mano alla squadra. Cerco sempre di fare il meglio”. Da Ferrara, però, il Bologna è tornato con un punto ma anche con tanto rammarico: “L’approccio è stato importante, e questo ci mancava da tanto tempo – ha proseguito Calabresi – Nella prima parte abbiamo ottenuto valori fisici di un certo livello e un calo era fisiologico. Siamo ovviamente dispiaciuti per non aver tenuto il risultato ma non vediamo l’ora di giocare con il Frosinone”. Già, i ciociari, partita facile solo sulla carta ma che il Bologna dovrà obbligatoriamente vincere: “Tre punti ci servono come il pane – ha ammesso il difensore – Dobbiamo dare un senso al pari di Ferrara anche se il Frosinone non è una squadra da sottovalutare. Partite facili non ce ne sono e hanno messo in difficoltà diverse squadre”. In chiusura, un commento sui neo arrivati Sansone e Soriano: “Sono entrambi molto forti, ci hanno dato tanta qualità e tanta spinta morale. E’ stata una boccata di aria fresca”.

DZEAMAILI ANCORA A PARTE – Nessuna particolare novità invece dalla doppia seduta odierna di Casteldebole. Tutti a disposizione del tecnico Pippo Inzaghi ad eccezione di Blerim Dzemaili che ha lavorato a parte per un problema al polpaccio. Per la squadra al mattino lavoro in palestra, al pomeriggio seduta tecnico-tattica sul campo con partitella finale.