Ladislav Krejci
Ladislav Krejci

Bologna, 12 ottobre 2018 – Sembrava svuotarsi definitivamente l’infermeria del Bologna, invece negli ultimi due giorni è stata ripopolata da un paio di defezioni di origine muscolare. Dopo Diego Falcinelli si è fermato anche Ladislav Krejci che dunque è a rischio per la sfida contro il Torino al Dall'Ara.

RISENTIMENTO ALLA COSCIA – Nella seduta odierna mattutina al centro tecnico Niccolò Galli, la squadra ha svolto prima un riscaldamento in palestra, poi lavoro atletico in campo e partitella. A lasciare il rettangolo verde anzitempo è stato Ladislav Krejci per un risentimento muscolare alla coscia destra. Nei prossimi giorni il giocatore svolgerà tutti gli esami del caso per capire l’entità del problema o eventuali lesioni, ma è chiaramente a rischio per la ripresa del campionato contro il Toro. Krejci si aggiunge a Falcinelli, fermato da un problema al soleo ma l’attaccante dovrebbe rientrare in gruppo martedì. Per quanto riguarda il portiere Skorupski, anche oggi lavoro differenziato per la contusione al braccio rimediata a Cagliari.

DOMANI IL PERUGIA – Domani invece, sfruttando la sosta, Pippo Inzaghi testerà i ragazzi rimasti a Bologna in una amichevole con il Perugia. Non ci saranno i nazionali, ma può essere l’occasione di verificare le condizioni degli elementi che hanno giocato meno o che sono rientrati dai rispettivi infortuni. Potrebbe dunque toccare ai vari Helander, Poli, Donsah e Palacio, senza dimenticare Mattia Destro che nell’ultimo periodo non ha più visto campo. L’ex numero dieci ha bisogno di rilanciarsi, ne ha bisogno anche il Bologna che pensa a gennaio di cederlo in prestito in modo tale da rivalutarlo in vista di una cessione estiva per non arrivare a scadenza di contratto. Toccherà però a Destro mandare chiari segnali a Inzaghi, ma con Okwonkwo e il ritorno di Palacio, la punta di Ascoli rischia di trovare ancora meno spazio rispetto a ora. Non ci sarà invece l’Mvp di settembre Federico Santander, impegnato con la nazionale paraguaiana. Non ci saranno nemmeno i tifosi, essendo il match di domani a porte chiuse al centro tecnico Niccolò Galli per motivi di sicurezza.