Godfred Donsah
Godfred Donsah

Pinzolo, 11 luglio 2018 – Godfred Donsah ha deciso di ripartire da Bologna. Arrivato tre anni fa, il ghanese non è mai riuscito a sbocciare definitivamente, gli è mancata continuità per via di qualche infortunio e per via di qualche scelta tecnica, ma a 22 anni non è il momento di lasciare la seconda famiglia rossoblù. Donsah è intervenuto oggi in conferenza stampa dal ritiro di Pinzolo: “Questa squadra la sento come una seconda famiglia – ha affermato – Bologna mi ha dato tutto e mi ha sostenuto tanto, perché quando sono arrivato non sapevo come muovermi non avendo la patente e in tanti mi hanno aiutato. I tifosi sono incredibili e io ho deciso di restare perché sto bene qui”. Nessun rancore nemmeno col precedente tecnico Donadoni, nonostante lo scarso impiego dell’ultima annata: “Quando giochi poco è perché forse non hai fatto il massimo per meritarti il campo. Sarei rimasto anche con Donadoni, perché la passata stagione non siamo riusciti a fare determinate cose e il mister non ha particolari colpe per il mio utilizzo. Sono stato frenato anche dagli infortuni”. Qual è stato dunque il problema? Per Donsah la risposta è semplice: “Abbiamo avuto un calo mentale, cercheremo di non ripetere più certi errori”.

INZAGHI E LA CARICA – Ora il nuovo allenatore Pippo Inzaghi, un tecnico molto stimolante dal punto di vista psicologico: “Pippo ci dà grande carica e a me ha detto di giocare più avanti. Quando ho la palla devo muovermi diversamente rispetto a quando non ce l’ho, devo muovermi e cercare spazio. Tra squadra e mister c’è un grande rapporto, si ride e si scherza”. Sugli obiettivi di squadra Donsah non si scosta da quanto detto in precedenza da compagni e dirigenza: “Per noi è importante raggiungere il prima possibile la salvezza, poi si vedrà. E’ ovvio che tante squadre puntano alla parte sinistra e noi cercheremo di rispettare i tifosi non ripetendo il finale di stagione dell’anno scorso. Obiettivi personali? Penso di poter arrivare col lavoro a 5-6 gol all’anno”. Per Donsah è l'anno del riscatto, il Bologna ci crede forte del rinnovo fino al 2022.