Bologna, 16 maggio 2018 – Finale difficile di stagione per Mattia Destro. I 50 minuti contro il Chievo poi la sostituzione, il passaggio da titolare a riserva conclamata e infine gli infortuni. Oggi il numero dieci rossoblù non si è allenato a causa di una contusione al ginocchio sinistro, la sua presenza domenica a Udine è dunque in dubbio. Stagione complicatissima per Destro che è fermo a 6 gol e in linea generale ad un rapporto non idilliaco con il tecnico Roberto Donadoni, che più volte lo ha punzecchiato e anche sostituito. Il campionato di Destro potrebbe essere finito qui, e se rimarrà Donadoni anche la sua avventura in rossoblù. In sintesi, i 50 minuti contro il Chievo rischiano di essere stati gli ultimi con la maglia del Bologna.

OUT ANCHE PULGAR – Continuano i problemi anche per Erick Pulgar. Il cileno da tempo convive con un fastidio muscolare che probabilmente dopo la sfida ai clivensi si è ripresentato. Per lui contrattura al quadricipite destro e oggi terapie. Stagione presumibilmente finita anche per Ibrahima Mbaye che ha patito una contrattura al semitendinoso destro. Si riavvicinano al campo invece Giancarlo Gonzalez e Federico Di Francesco, per entrambi seduta differenziata. Ancora programma personalizzato per Rodrigo Palacio

ATALANTA SU MASINA – Nel frattempo è ancora un enigma il futuro di Adam Masina. Nei giorni scorsi il club rossoblù ha formulato una nuova offerta di rinnovo da 800mila euro più bonus fino al 2022, dopo quella di un paio di mesi fa da 700mila fino al 2020. Masina attende la fine del campionato per caprie chi sarà il tecnico del Bologna la prossima stagione, poi deciderà. Ma essendo in scadenza nel giugno 2019, il mercato si muove. Lo ha fatto l’Atalanta che ha già allacciato i contatti con il Bologna e sarebbe pronta a formulare un’offerta per il cartellino di Masina. Essendo in scadenza i rossoblù non potrebbero tirare la corda sul prezzo.