Vlahovic festeggiato dai compagni dopo il gol dello 0-2 (Ansa)
Vlahovic festeggiato dai compagni dopo il gol dello 0-2 (Ansa)

Benevento, 13 marzo 2021 - Il Benevento ospita la Fiorentina per l'anticipo del sabato valido per la 27esima giornata di Serie A. Il primo tempo è un assolo di Dusan Vlahovic: la punta viola segna una straordinaria tripletta ai minuti 9, 27 e 45, che indirizza inevitabilmente il match. Nella ripresa le Streghe tentano di reagire, segnano con Ionita al 55' ma subiscono il quarto gol di Eysseric al 75'. Il match si conclude sul 4-1 per gli ospiti, che salgono in dodicesima posizione a 29 punti. Il Benevento resta sedicesimo a quota 26, a +6 dalla zona retrocessione.

Primo tempo

Inzaghi schiera i suoi con il modulo ad albero di Natale, con Improta e Caprari a supporto di Gaich punta centrale. Prandelli risponde con il 3-5-2 e il tandem offensivo composto da Ribery e Vlahovic. Proprio il centravanti serbo sblocca il risultato all'8' su cross di Eysseric per l'1-0 della Fiorentina. I viola hanno un'altra grande occasione con Quarta al 13', ma a pochi passi dalla porta avversaria non riesce a centrare lo specchio. Vlahovic firma il 2-0 al 27', quando Montipò respinge un colpo di testa di Caceres ma non può nulla sul tap-in del serbo. Gli ospiti chiudono virtualmente la gara già al 45': ancora Vlahovic si inventa una rete strepitosa dalla distanza, dopo un ottimo controllo orientato che coglie di sorpresa la difesa del Benevento. La tripletta dell'attaccante di Prandelli fissa il risultato sul 3-0.

Secondo tempo

Il Benevento cambia volto nella ripresa e va a caccia di una disperata rimonta. Insigne prova subito a farsi vedere dai sedici metri e il suo mancino si spegne a lato di poco. Le Streghe provano a riparire la gara al 55', quando Ionita colpisce di testa sul secondo palo sugli sviluppi di un calcio d'angolo e tenta di ridare vita ad una partita che sembrava ormai chiusa. La Fiorentina continua a soffrire terribilmente e la sensazione è quella che possa subire un altro gol da un momento all'altro. Caprari al minuto 62 fa un gran numero in mezzo a due avversari, penetra in area e Dragowski gli dice no con un ottimo intervento. I viola scacciano la paura e frenano l'impeto degli avversari al 75': Ribery ruba palla sulla trequarti, allarga per Eysseric che con il cucchiaio supera Montipò in uscita.

Leggi anche: Cagliari-Juventus, probabili formazioni, orario e tv