Joshua Kimmich
Joshua Kimmich

Monaco di Baviera, 21 novembre 2021 - La decisione del Bayern Monaco è destinata a far discutere. Ma forse potrebbe anche fare da esempio per altre società. Da inizio stagione i campioni in carica della Bundesliga devono fare i conti con la scelta di cinque suoi giocatori di non vaccinarsi contro il Covid-19, almeno per il momento. I tesserati in questione sono Joshua Kimmich, Serge Gnabry, Jamal Musiala, Eric Maxim Choupo-Moting e Michael Cuisance. Ebbene, il club bavarese - secondo quanto raccontano dalla Germania e in particolare dalla Bild - avrebbe imposto una riduzione degli stipendi nei confronti di questi calciatori se posti in isolamento. 

Il caso Kimmich

Una situazione questa già capitata per ben due volte nel giro di poco a Kimmich, che attualmente si trova in quarantena dopo essere entrato di nuovo in contatto con persone contagiate. Il 26enne centrocampista della Nazionale tedesca era appena uscito dall'isolamento a seguito della positività del compagno di squadra Niklas Suele, non potendo scendere in campo venerdì nell'ultimo match disputato dal Bayern Monaco. Da qui la decisione dei bavaresi, dovuta anche alla crescita sempre più insistente dei casi di Coronavirus in Baviera, fra le Regioni della Germania più colpite dalla recrudescenza della pandemia. 

Leggi anche: Manchester United, esonerato Solskjaer