Mario Balotelli (Ansa)
Mario Balotelli (Ansa)

Brescia, 5 maggio 2020 - Mario Balotelli si è dimostrato superficiale, un bambino. Sono queste le parole del presidente del Brescia Massimo Cellino, intervistato da Teletutto.

Il patron delle rondinelle ha commentato l'andamento della stagione: "Ho qualche attenuante, come ad esempio aver dovuto impiegare soldi e tempo al centro sportivo, allo stadio, alla sede e agli store ufficiali. Però ammetto di aver commesso alcuni errori da dilettante che ci sono costati il campionato".

E poi il commento tagliente su Supermario: "Ho voluto portare io Balotelli a Brescia, ma fuori dal campo si è reso protagonista di gesti superficiali, come un bambino. Comunque non andremo certo in B per colpa sua, sarebbe riduttivo pensare ciò. Purtroppo non è stato gestito bene e se il figlio è maleducato la colpa è dei genitori, mai del bambino".

Infine, Cellino si dilunga in una riflessione sull'aspetto economico del pallone: "In questo momento penso alla salute dei miei dipendenti. Vorrei un calcio più equo, pulito e che non si basi su debiti e plusvalenze. Io ho la coscienza a posto e anche i miei conti lo sono. Ho qualche soldo da parte e, se il contesto in Italia non cambierà, me ne andrò nuovamente in Inghilterra".