Torino, 20 febbraio 2019 - Madrid, 20 febbraio 2019 - L'Atletico Madrid stende la Juventus nell'andata degli ottavi di finale di Champions League. Finisce 2-0 per i Colchoneros, grazie alle reti nel secondo tempo di Gimenez e Godin. Var protagonista e decisivo in almeno un paio di circostanze, entrambe favorevoli ai bianconeri. Ma non basta, perché la Vecchia Signora è praticamente nulla in avanti. Il 12 marzo il match di ritorno: la missione si annuncia davvero dura.

Atletico Madrid-Juventus 2-0, rivivi la diretta

LA CRONACA - De Sciglio vince il ballottaggio con Cancelo, mentre in attacco, come anticipato da Allegri in conferenza stampa, gioca Dybala assieme aMandzukice Ronaldo. Dall'altra parte SimeonepreferisceDiego Costaa Morataper affiancare Griezmann. E' proprio del "Petit Diable" la prima conclusione (alta) della sfida dopo appena trenta secondi. Ben più pericoloso il tentativo su punizione di Ronaldo, che nonostante la lunga distanza impegna severamente Oblak. Passano tre giri di lancette e la Juve colleziona un'altra palla gol con Bonucci, che da azione da angolo sfiora il bersaglio grosso di testa. Dopo un inizio scoppiettante la partita vive una fase di studio ampiamente comprensibile vista la posta in palio.

L'Atletico si fa tuttavia preferire e verso la mezzora l'arbitro Zwayer assegna ai biancorossi un rigore per fallo di De Sciglio su Diego Costa. Il contatto tuttavia comincia fuori area e, grazie al Var, il direttore di gara corregge la propria decisione. Dalla punizione seguente Griezmann chiama alla parata un attento Szczesny. E' sostanzialmente questa l'ultima emozione di un primo tempo maschio (ammoniti i diffidati Diego Costa e Thomas, che quindi salteranno il match di ritorno, ndr) ed equilibrato, dove il pressing dei locali ha messo spesso e volentieri in difficoltà la fluidità della manovra dei bianconeri.

Al rientro in campo il copione della gara pare cambiare, con la Juve che prova a prendere in mano il pallino del gioco. Peccato che al 50' i campioni d'Italia si facciano sorprendere dal contropiede spagnolo, ma Diego Costa grazia gli avversari a tu per tu con Szczesny. Neanche il tempo per Chiellini e compagni di tirare un sospiro di sollievo che l'Atletico va nuovamente a un passo dal vantaggio: la Vecchia Signora si fa bucare ancora per via centrale, questa volta da Griezmann, che con un pallonetto colpisce la traversa. Decisivo nell'occasione l'impercettibile tocco di Szczesny.

I Colchoneros continuano a premere e al 72' è il neo entrato Morata a sbloccare il risultato con un preciso stacco di testa. Il signor Zwayer tuttavia annulla dopo aver rivisto l'episodio al Var per una spinta dell'ex bianconero ai danni di Chiellini. Poco male per la truppa di un Simeone scatenato in panchina: i padroni di casa infatti trovano l'1-0 con Gimenez, che risolve una mischia in area avversaria nata da angolo. E sempre da una mischia nasce il raddoppio biancorosso firmato da Godin, lesto ad approfittare del rimpallo favorevole. Colpita, ma non affondata, la Juve si riversa in avanti e Oblak salva su Bernardeschi. E' troppo tardi però per una reazione. La festa al 90' è solo per l'Atletico, che è con un piede ai quarti di finale.

Tabellino

Atletico Madrid (4-4-2): Oblak; Juanfran 6, Gimenez, Godin, Filipe Luis; Koke (22'st Correa), Thomas (16'st Lemar), Rodri, Saul; Griezmann, Diego Costa (13'st Morata). In panchina: Adan, Savic, Arias, Vitolo. Allenatore Simeone

Juventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic (28'st Emre Can), Matuidi (38'st Cancelo); Dybala (35'st Bernardeschi), Mandzukic, Ronaldo. In panchina: Perin, Caceres, Rugani, Spinazzola. Allenatore Allegri

Arbitro: Zwayer (Ger)

Reti: 33'st Gimenez, 38'st Godin. 

Note - Ammoniti: Diego Costa, Thomas, Alex Sandro, Griezmann. Angoli: 8-7 per l'Atletico Madrid. Recupero: 2'; 4'