Giampiero Gasperini
Giampiero Gasperini

Madrid, 15 marzo 2021 - A Madrid sognando un'altra impresa storica. Un'impresa a cui l'Atalanta crede ciecamente. E fa bene, visto che la Dea ha già dimostrato in passato che per lei la parola "impossibile" non esiste. Anche se l'ostacolo sembra quasi insormontabile, come in questo caso: i nerazzurri infatti devono necessariamente vincere allo stadio Alfredo Di Stefano per ribaltare l'1-0 patito all'andata contro il Real e per accedere così ai quarti di finale di Champions League. "Giocare al Bernabeu sarebbe stata un’altra cosa, ma è da un anno che stiamo giocando senza pubblico. Peccato, siamo dispiaciuti perché uno dei nostri obiettivi era quello di portare i tifosi dell’Atalanta in giro per l’Europa, sarebbe stata una grande festa qui a Madrid", la prima annotazione di Giampiero Gasperini.  

Champions League, ritorno ottavi: tutti i match

L'importanza dell'approccio

Anche senza i propri sostenitori al loro fianco, Zapata e compagni sembrano avere tutte le carte in regola per centrare i quarti, nonostante il risultato negativo di Bergamo. "Ovviamente quel risultato rende tutto più difficile visto anche l’avversario che abbiamo davanti, ma abbiamo una grande chance e vogliamo giocarcela al meglio possibile, abbiamo tanta motivazione - sottolinea il tecnico dell'Atalanta - Sarà importante l’approccio: all'inizio si capiranno gli equilibri della partita, per vedere quanto riusciremo a contenere e poi a proporci. Abbiamo più piani: l’obiettivo principale è quello di rimanere in gara il più a lungo possibile". 

"Non ci snatureremo"

E la Dea tenterà di farlo mostrando il solito atteggiamento propositivo di sempre, che nella stagione scorsa per poco non l'ha portata in semifinale di Champions. "Sicuramente non snatureremo il nostro modo di giocare, ma metteremo in campo quello che abbiamo sempre messo e che ci ha permesso di arrivare fino a questo punto della competizione. Abbiamo preso delle batoste anche in Champions, ma non abbiamo mai pensato di cambiare la nostra filosofia. La formazione? Djimsiti è recuperato, ha smaltito subito la contusione che ha avuto. Sono pronti tutti al di fuori di Hateboer e Sutalo, mentre Freuler è squalificato e Kovalenko non è in lista". 

Leggi anche - Zidane sul possibile ritorno al Real di Ronaldo: "Può darsi"