Ruslan Malinovskyi e Marko Pasalic, protagonisti del 6-2 dell'Atalanta sul Brescia (Ansa)
Ruslan Malinovskyi e Marko Pasalic, protagonisti del 6-2 dell'Atalanta sul Brescia (Ansa)

Bergamo, 14 luglio 2020 - Uragano Atalanta. La Dea schianta 6-2 il Brescia e si aggiudica il derby lombardo. Nel primo tempo Pasalic, De Roon, Malinovskyi e Zapata lasciano il loro zampino sul tabellino marcatori; di Torregrossa il momentaneo 1-1 per le Rondinelle. Nel secondo tempo, poi, gli uomini di Gasperini continuano con il festival del gol e arrotondano il risultato con la doppietta e la tripletta di Pasalic: il croato segna due gol nel giro di 3’ (55’ e 58’). Grazie a questo roboante successo, i nerazzurri salgono momentaneamente al secondo posto a -6 dalla Juventus e con due punti di vantaggio sull’accoppiata Inter-Lazio. Altresì, gli uomini di Diego Lopez restano ancorati al penultimo posto della classifica e ormai rassegnati al ritorno in Serie B dopo una sola stagione.

Cronaca. Atalanta show nel primo tempo del derby lombardo contro il Brescia. Gli uomini di Gasperini annichiliscono 4-1 le Rondinelle. Pronti via e la Dea trova l’1-0 con Pasalic: Malinovskyi imbuca per il centrocampista croato, che tutto solo buca con un preciso destro rasoterra l’incolpevole Andrenacci. Sessanta secondi e il Brescia va subito vicinai all’1-1 con Torregrossa, Sportiello in uscita chiude lo specchio e sventa la minaccia. Il gol per gli uomini di Lopez è solo rimandato. Al 9’ lo stesso Torregrossa sigla il pareggio: Donnarumma serve il numero 11, Caldara sbaglia il controllo della sfera e l’attaccante ospite buca l’incolpevole estremo difensore bergamasco. Il match resta in equilibrio fino a metà tempo, poi la Dea nel giro di 5’ si porta sul triplo vantaggio. Al 25’ azione spaziale tra Zapata e Gosens, con la rifinitura di De Roon, che al volo trafigge l’incolpevole Andrenacci. Tre giri d’orologio e gli uomini di Gasperini mettono a referto il 3-1: Castagne serve Malinovskyi, che con una fucilata dal limite mette la sfera nell’angolino basso. Altri 2’ e Zapata cala il poker: Gosens in mezzo per l’attaccante colombiano, che in tuffo di testa insacca. Dopo l’imbarcata, il Brescia tenta di rendersi pericolosa con Donnarumma, Sportiello blocca senza sussulti. Al 38’, poi, l’Atalanta va ad un passo dal pokerissimo con Gosens, il suo tentativo in spaccata colpisce solo l’esterno della rete.

Nella ripresa l’Atalanta, con la doppietta di Pasalic (tripletta nell’intero match), arrotonda il risultato sul 6-2. Il centrocampista croato al 56’ sfrutta l’ottimo suggerimento di Malinovskyi e spedisce la sfera alle spalle del povero Andrenacci. Passano 2’ e il numero 88 si ripete e sigla la sua tripletta personale. Da segnalare l’ottimo assist di Tameze che approfitta di un errore della difesa bresciana. All' 82' Spalek sigilla il 2-6 finale. Grazie a questo rotondo successo, la Dea vola momentaneamente al secondo posto con 70 punti, a -6 dalla Juventus e a +2 su Inter e Lazio. Al contrario, penultimo posto e retrocessione ormai imminente per il Brescia.

Tabellino



Atalanta-Brescia 6-2 2’, 55’ e 58’ Pasalic (A), 7’ Torregrossa (B), 25’ De Roon (A), 28’ Malinovskyi (A), 30’ Zapata (A), 83' Spalek (B)

Atalanta (3-4-3): Sportiello (81’ Rossi); Sutalo, Caldara, Djimsiti (74’ Czyborra); Castagne (73’ Bellanova), De Roon, Tameze, Gosens; Malinovskyi (74’ Piccoli), Pasalic, Zapata (46’ Colley). Allenatore: Gian Piero Gasperini

Brescia (4-3-3): Andrenacci; Mangraviti, Mateju, Chancellor, Semprini; Dessena, Viviani (58’ Tonali), Bjarnason; Spalek; Torregrossa (62’ Ndoj), Donnarumma (68’ Ayé). Allenatore: Diego Lopez.

Ammoniti: nessuno

Arbitro: Sig. Gianluca Manganiello