Non partirà la campagna abbonamenti dei giallorossi
Non partirà la campagna abbonamenti dei giallorossi

Roma, 19 giugno 2021- Jose Mourinho dovrà attendere prima di conoscere tutto il calore della parte giallorossa dell'Olimpico: la Roma ha deciso di non far partire la campagna abbonamenti in vista della prossima stagione, almeno stando alle ultime notizie che trapelano da Trigoria. In attesa di capire quale sarà la percentuale di tifosi ammessa allo stadio la società non rilascerà nessun abbonamento, ma sarà possibile acquistare biglietti solo per le singole partite.

Il nodo sulla capienza degli stadi

L'ostacolo più grande che ha impedito alla campagna abbonamenti di prendere il via è di sicuro la normativa sui tifosi ammessi all'interno degli impianti sportivi. In giro per l'Europa ogni nazione si regola in maniera del tutto autonoma, come si vede anche dalle partite dell'Europeo: se in Ungheria c'è il tutto esaurito, in Inghilterra ad esempio l'ingresso dei tifosi è ancora contingentato anche a causa delle nuove varianti del coronavirus. Anche l'Italia ha adottato la linea della capienza ridotta al 25%, ma non sono ancora arrivate direttive per quanto riguarda la prossima stagione. Per questo la Roma al momento non ha fatto partire nessuna campagna, in attesa di capire quali saranno le normative dettate del governo.

Niente effetto Mou

Di sicuro, mai come in quest'anno, l'Olimpico pieno di tifosi avrebbe rappresentato una marcia in più per i giallorossi. Innanzitutto per quanto riguarda la questione economica: la società si ritrova a dover far i conti con le casse non proprio piene, così come tanti club europei che hanno risentito della crisi dell'ultimo anno e mezzo. Il ritorno delle persone allo stadio avrebbe aiutato sotto questo punto di vista, anche perché l'effetto dettato dall'arrivo di Mourinho avrebbe potuto portare all'Olimpico molte più persone rispetto alla passata stagione. Da non sottovalutare poi l'arma preziosa del tifo e del suo calore che potrebbe spingere la Roma nei momenti di difficoltà.

Leggi anche - Napoli, al Lille esplode il caso Osimhen