di Leo Turrini Può darsi che Max Verstappen debba rimettere il tappo alla bottiglia di champagne! Contro tutte le previsioni della vigilia è stata la Mercedes a dominare le qualifiche nella fantastica arena messicana. Tra lo stupore generale, in extremis il team campione del mondo ha piazzato la zampata. È clamorosa la pole firmata dal maggiordomo finlandese: Valterino Bottas è stato più veloce persino del capitano Hamilton. La delusione...

di Leo Turrini

Può darsi che Max Verstappen debba rimettere il tappo alla bottiglia di champagne!

Contro tutte le previsioni della vigilia è stata la Mercedes a dominare le qualifiche nella fantastica arena messicana.

Tra lo stupore generale, in extremis il team campione del mondo ha piazzato la zampata. È clamorosa la pole firmata dal maggiordomo finlandese: Valterino Bottas è stato più veloce persino del capitano Hamilton.

La delusione Red Bull era palpabile, quando i cronometri hanno sancito il verdetto. Forse Verstappen ha sbagliato qualcosa, ma il colpo di reni della Mercedes ha spiazzato l’olandese. Che si è consolato così: "Su questa pista meglio partire terzo che secondo". Sarà. Ma era perplesso anche l’idolo del popolo con il sombrero: Perez, con l’altra Red Bull, è stato danneggiato da una incomprensione con Tsunoda. Ma nemmeno lui aveva il passo delle Mercedes.

La gara. Resta da capire come si svilupperanno le cose in gara. Con le gomme che saranno montate sulle monoposto al via, Verstappen dovrebbe riacquistare il margine di vantaggio scomparso all’improvviso. Ma se Bottas e Hamilton riusciranno a tenerlo dietro alla prima curva, beh, per l’olandese volante la gara sarà tutta in salita.

Rosse giù. La Ferrari non ha brillato. Terza fila per Sainz, quarta per Leclerc. La macchina non ha mai trovato il ritmo: francamente mi aspettavo di più.

Anche qui bisogna però aspettare il Gran Premio prima di stilare la sentenza. L’obiettivo della Scuderia, perché questo passa il convento, rimane quello di precedere la McLaren sul traguardo, per scavalcarla nella classifica riservata ai costruttori.

Indietro. Saranno ben quattro i piloti retrocessi in coda allo schieramento per avere sostituito il motore: Norris con la McLaren, Ocon con la Alpine Renault, Tsunoda con la Alpha Tauri e Stroll con la Aston Martin. Inoltre Russell con la Williams sarà penalizzato di cinque posizioni per aver sostituito il cambio.

Tutto ciò si traduce nell’ingresso in top ten, sulla griglia di partenza, di due ex ferraristi: saranno Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel, con Alfa Romeo ed Aston Martin, ad occupare la quinta fila.

In tv. Il Gran Premio del Messico scatta alle stasera alle 20. Diretta Sky. Buona domenica.