Maurizio Arrivabene, 64 anni
Maurizio Arrivabene, 64 anni
La Juventus gioca su tanti campi, alla fine quello verde dell’Arechi su cui stasera si terrà la partita di campionato sembra quasi il meno importante, in questo momento. Ieri in borsa è arrivato l’effetto dell’inchiesta della Guardia di Finanza sui conti dei bianconeri: il titolo ha ceduto il 6,3%, dopo essere stato anche sospeso per eccesso di ribasso durante la...

La Juventus gioca su tanti campi, alla fine quello verde dell’Arechi su cui stasera si terrà la partita di campionato sembra quasi il meno importante, in questo momento. Ieri in borsa è arrivato l’effetto dell’inchiesta della Guardia di Finanza sui conti dei bianconeri: il titolo ha ceduto il 6,3%, dopo essere stato anche sospeso per eccesso di ribasso durante la giornata.

Sul piano giudiziario, invece, dopo il ds Federico Cherubini ieri è toccato all’amministratore delegato Maurizio Arrivabene presentarsi in Procura a Torino per l’inchiesta Prisma. Arrivabene non è tra gli indagati, ma come Cherubini è stato ascoltato come persona informata sui fatti per tre ore dai magistrati Marco Gianoglio, Ciro Santoriello e Mario Bendoni. Nei prossimi giorni dovrebbe toccare ai sei indagati, tra i quali il presidente Andrea Agnelli, il vice Pavel Nedved, dell’ex responsabile dell’area sportiva Fabio Paratici, ora al Tottenham. Dal palazzo di giustizia trapela che dalle numerose intercettazioni – ora secretate – potrebbero emergere elementi di interesse per la giustizia sportiva. Per ora può essere inviato solo il decreto di perquisizione: i verbali degli interrogatori secretati, le intercettazioni e il materiale coperto da segreto istruttorio non può essere divulgato fino a chiusura indagini.

E poi c’è il campo, per Allegri: stasera i bianconeri sono impegnati all’Arechi contro una Salernitana disperata. Il tecnico della Signora dovrà fare a meno degli infortunati Chiesa e McKennie, oltre a Danilo, De Sciglio e Ramsey. In porta andrà Szczesny, in difesa Cuadrado a destra, in mezzo con Bonucci giocherà Chiellini. A sinistra il ballottaggio è tra Pellegrini e Alex Sandro, a centrocampo Bernardeschi dovrebbe partire titolare a destra, mentre in mezzo con Locatelli è Bentancur ad essere in vantaggio su Arthur. Rabiot a sinistra. In attacco, Dybala con uno tra Kean e Morata.