di Paolo Manili C’è mancato davvero poco perché la classifica del GP "due stelle" di Ornago, Monza, risultasse fotocopia di quella della settimana scorsa. Filippo Bologni, infatti, ci ha riprovato (stavolta su Diplomat), ma il campione elvetico Bryan Balsiger sulla femmina belga Dubai du Bois Pinchet è stato più veloce sul cronometro agguantando la...

di Paolo Manili

C’è mancato davvero poco perché la classifica del GP "due stelle" di Ornago, Monza, risultasse fotocopia di quella della settimana scorsa. Filippo Bologni, infatti, ci ha riprovato (stavolta su Diplomat), ma il campione elvetico Bryan Balsiger sulla femmina belga Dubai du Bois Pinchet è stato più veloce sul cronometro agguantando la vittoria, mentre l’azzurro ha dovuto accontentarsi del secondo posto, unici due a chiudere con doppio netto. Nulla toglie alla più che eccellente performance del nostro binomio, così come significative sono quelle della sequenza di azzurri piazzati fino alla quinta posizione. Nel dettaglio: terza Barbara Suter su Aurora (10), quanto Emiliano Liberati su Dooley WV (10), quinta Giulia Martinengo Marquet su Casper Vd Rode PoelHoeve (40). Spettacolare la gara della "Giulia" nazionale che, galoppando come solo i fuoriclasse sanno fare in un "indoor", nel secondo giro ha realizzato il tempo migliore che le avrebbe assegnato la vittoria, ma la toccata nel primo percorso le ha negato una seconda vittoria importante in questo meeting. La prima per lei è stata venerdì nella "145" a tempo, valida per il ranking Fei, nella quale in sella allo stesso cavallo ha chiuso col netto davanti a Bologni, ancora su Diplomat, e al rossocrociato Pius Schwizer (Balou Rubin R). Insomma una bella prova corale degli azzurri, fra i quali brillano alcune stelle di prima grandezza. All’estero ancora una positiva gara del campione italiano in carica Piergiorgio Bucci e della sua Naiade d’Enseldam Z, ancora in crescita tecnica, che non hanno toccato ostacoli nel GP di Oplagbeek, ma sono rimasti esclusi dal barrage causa 1 penalità per fuoritempo nel "base". La prova è stata siglata con doppio zero dall’olandese Michael Greve (Guan Gib).