Windisch chiude al terzo posto l'ultima frazione
Windisch chiude al terzo posto l'ultima frazione

Oberhof (Germania) 15 gennaio 2021 - Uno dei tracciati più ostici di tutto il circuito di Coppa del Mondo, eppure per l'Italia maschile è sempre terra di podi. Dopo la vittoria del 2012 e il podio del 2019, la staffetta azzurra ha trovato un altro terzo posto a Oberhof, stavolta in una gara non condizionata dalle condizioni meteo, ma gestita perfettamente da tutti i frazionisti. Vince la Francia davanti alla Norvegia, ma il risultato per i nostri ragazzi è di altissimo livello.

La gara

La partenza è subito forte per gli azzurri: Thomas Bormolini nel miglior momento della sua carriera, riesce a trovare finestre molto positive al poligono, riuscendo a creare già un piccolo vantaggio su alcune delle nazioni favorite come la Norvegia e la Russia. In seconda frazione Lukas Hofer ha fatto lo show puro: primo giro controllato, poi poligono perfetto e secondo giro di primissimo livello che ha messo in ginocchio la concorrenza rappresentata da Francia, Germania e Svizzera, arrivate al secondo cambio con una ventina di secondi di ritardo. Poi è toccato al giovane Tommaso Giacomel che ha avuto qualche problema a terra ma si è difeso benissimo in piedi e sugli sci, tanto da perdere contatto da due grandi biathleti come Peiffer e Claude solamente nell'ultimo giro, ma sempre nell'ottica dei 20 secondi. Nell'ultimo giro Windisch non è riuscito a difendersi dal ritorno della Norvegia con i fratelli Boe, ma ha comunque ottenuto il podio grazie al disastro del tedesco Horn che è inceppato addirittura in tre giri di penalità.

Primo podio maschile

L'Italia fin qui aveva ottenuto podi solamente con Dorothea Wierer. Adesso anche il campo maschile festeggia il suo primo piazzamento tra i migliori tre e fa ben sperare anche per la staffetta dei Mondiali di Pokljuka del prossimo mese. Grande soddisfazione soprattutto per Tommaso Giacomel al primo podio in carriera.

Leggi anche - Le convocazioni per il gigante di Kranjska Gora