Walter De Raffaele (LaPresse)
Walter De Raffaele (LaPresse)

Venezia, 8 settembre 2020 – Un martedì di Supercoppa italiana interamente dedicato al girone C, con due soli incontri in programma dopo i ben sei in apertura di settimana. Lo scontro al vertice è andato all’Umana Reyer Venezia che ha inflitto la prima sconfitta stagionale all’Allianz Trieste, battuta 79-62 e superata al primo posto. Le chiavi del successo orogranata sono state la grande energia difensiva, che ha tenuto i giuliani al 41% da due e al 28% da tre limitando le punte di diamante Upson, Doyle e Henry, e le prove offensive di Julian Stone (18 punti e 9 rimbalzi) e Mitchell Watt (22 punti). L’accelerata decisiva della Reyer è arrivata dopo l’intervallo lungo, quando sotto la regia di Stone i padroni di casa hanno preso in mano la situazione mettendo a segno un break di 24-14 che Trieste non ha più saputo recuperare nei 10 finali, partiti sul 64-46 per gli uomini di De Raffaele.

Primo successo stagionale, invece, per la De' Longhi Treviso che ha travolto la Dolomiti Energia Trento 91-67. Quello di biancoblu veneti. Trascinati dalla regia di Matteo Imbrò (15 punti e 6 assist) e dalle prove offensive di Jeffrey Carroll (18 punti) e David Logan (17 punti) è stato un vero e proprio assolo. Già nel primo quarto, infatti, Treviso ha preso in mano la situazione grazie ai canestri di Logan e Carroll, guadagnando un vantaggio in doppia cifra (27-16). Da quel momento Treviso non si è più voltata indietro rimpinguando il proprio vantaggio fino al +28 (84-56) a meno di 5’ dalla fine.