Milos Teodosic della Virus Bologna (Fotoschicchi)
Milos Teodosic della Virus Bologna (Fotoschicchi)

Bologna 17 settembre 2020 – Tutto pronto per le Final Four della Supercoppa di basket che si disputeranno da domani a domenica 20 settembre alla Segafredo Arena, realizzata all’interno del polo fieristico di Bologna. Si partirà alle 18 con la prima semifinale che vedrà l’Armani AX Milano affrontare l’Umana Reyer Venezia (il match sarà trasmesso in diretta su Eurosport 2 ed Eurosport Player). L’Olimpia, unica squadra ad aver chiuso senza sconfitte la fase a gironi e che ha a disposizione uno sconfinato tasso di talento e un’ampia rotazione (Messina sarà costretto a mandare in tribuna ancora tre stranieri dei nove a disposizione), parte con i favori del pronostico dalla propria parte ma la Reyer non vuole assolutamente recitare il ruolo di “sparring partner”, forte di uno zoccolo duro del roster che si conosce da anni e capace di tirare sempre fuori il meglio nei momenti che contano anche grazie a giocatori di altissimo livello come Stefano Tonut, Michael Bramos e Austin Daye.

Alle 20.45 (anche questo match sarà trasmesso in diretta su Eurosport 2 ed Eurosport Player) arriverà invece il turno della Virtus Segafredo Bologna che sfiderà la Dinamo Sassari. I bianconeri hanno vinto all’ultimo respiro il girone B ma puntano a recitare il ruolo dei protagonisti davanti al pubblico amico. Per l’occasione coach Djordjevic recupererà Milos Teodosic e cercherà senza dubbio di inserire i nuovi arrivati (su tutti Adams e Abass) negli ingranaggi già ben collaudati lo scorso anno. La Dinamo dal canto suo, anche grazie all’innesto di Justin Tillman che nelle prime uscite in biancoblu è apparso sicuramente positivo, punta a difendere il ruolo di squadra detentrice del trofeo. Dalla loro i sardi avranno forse un po’ meno pressione addosso rispetto ai felsinei. Le due squadre che vinceranno le semifinali si affronteranno poi nella finale, in programma domenica alle 18 (diretta su Eurosport 2, Eurosport 2 e in chiaro sul Canale 9 del digitale terrestre). L’assalto alla Supercoppa è insomma lanciato e nessuno ci starà a perdere.