Unahotels Reggio Emilia-Dolomiti Energia Trentino (Ciamillo-Castoria)
Unahotels Reggio Emilia-Dolomiti Energia Trentino (Ciamillo-Castoria)

Bologna, 24 gennaio 2021 – Un successo interno e uno esterno nei due anticipi della diciassettesima giornata del campionato di Serie A di basket. Nel giorno dell’esordio in biancorosso di Petteri Koponen (3 punti in 12’ per il finlandese) la Unahotels Reggio Emilia  – che in settimana con il successo di Milano su Cremona ha agguantato le Final Eight di Coppa Italia – è riuscita a spezzare una striscia negativa di cinque sconfitte piegando 83-74 la Dolomiti Energia Trento: lo spartiacque della partita è stata la terza frazione in cui gli uomini di coach Martino – oggi trascinati dalle buone prove di Filippo Baldi Rossi (16 punti) e Joshua Bostic (14 punti) – hanno chiuso bene gli spazi in difesa e in attacco hanno colpito dall’arco e nel pitturato con precisione producendo un parziale di 28-18 che è valso il +14 a 10’ dalla fine (65-51). Trento non si è comunque data per vinta ma non è riuscita, nonostante Reggio nel finale abbia perso Frank Elegar per un piccolo problema alla caviglia, non è mai riuscita ad impensierire gli emiliani.
 

Sesto ko interno della Virtus Bologna

Alla Segafredo Arena di Bologna è arrivato il sesto ko casalingo della Virtus Bologna che, dopo aver superato Bourg en Bresse in Eurocup, è stata battuta 89-90 dalla Germani Brescia. Decisivi il canestro a 3” dalla fine dell’ex bianconero David Moss ma anche le prestazioni superlative del giovane Giordano Bortolani (23 punti) e di Dusan Ristic (21 punti e 6 rimbalzi). Alla Virtus non sono invece bastati i 23 punti di Marco Belinelli e i 17 e 8 assist di Milos Teodosic, autore di un paio di errori pesanti nel finale. Brescia, dopo un primo quarto equilibrato, ha alzato i giri del motore grazie ai 12 punti nella seconda frazione di Bortolani che hanno ispirato il 40-48 all’intervallo lungo. Uno stratosferico marco Belinelli, in uscita dagli spogliatoi, ha riacceso la macchina virtussina propiziando un controbreak di 18-4 che ha ribaltato l’inerzia della gara. I bianconeri sono poi arrivati fino al +11 (63-52). Un 10-0 bresciano tra fine terzo e inizio quarto quarto ha però riaperto nuovamente i giochi e dato linfa alla Germani che è rimasta in piedi grazie a Bortolani e Ristic e ha piazzato la zampata vincente con Moss.

Leggi anche - Eurolega: Olimpia Milano schiacciasassi. Bayern travolto al Forum