Virtus Segafredo Bologna-Carpegna Prosciutto Pesaro (FotoSchicchi)
Virtus Segafredo Bologna-Carpegna Prosciutto Pesaro (FotoSchicchi)

Bologna, 6 novembre 2021 – E’ ripartita, dopo i passi falsi contro Napoli e Tortona e in Eurocup contro il Buducnost, la corsa nel campionato di Serie A di basket della Virtus Segafredo Bologna che al PalaDozza ha sconfitto 88-75 la Carpegna Prosciutto Pesaro. A trascinare i bianconeri al successo la compagine felsinea, che in corso d’opera ha perso Marco Belinelli per un problema di natura muscolare, sono state le prove di ottima caratura di Kyle Weems e Kevin Hervey, autori di 18 punti a testa. I bianconeri, dopo aver chiuso sotto di tre lunghezze il quarto d’apertura, trascinati da Hervey hanno cambiato passo piazzando un tramortente 14-2 per il +10 interno. Un tecnico a Belinelli e un antisportivo di Teodosic hanno però tenuto in linea di galleggiamento Pesaro all’intervallo lungo (48-41). La Carpegna Prosciutto con le unghie e con i denti è rimasta in scia anche nella terza frazione, chiudendola a -6 (65-59), ma poi nulla ha potuto quando la Virtus nella quarta frazione ha allungato spinta da Weems e Cordinier.

Trieste travolgente, Trento vince ancora

Successo di grande peso specifico anche quello dell’Allianz Trieste che ha sbancato Sassari 83-74, acuendo in maniera importante la crisi di risultati della Dinamo, al terzo ko consecutivo: quattro i giocatori della compagine friulana in doppia cifra, guidati da Fabio Mian, autore di 16 punti con 4/8 da tre punti. La Dinamo è rimasta in partita nel primo quarto ma poi nei due quarti centrali ha incassato un pesantissimo 46-24 (soltanto 8 punti nel terzo quarto) che ha spinto l’Allianz fino al +29. Nella quarta frazione, poi, è arrivata la reazione d’orgoglio dei biancoblu, sorretti da Jason Burnell, che hanno piazzato un controparziale di 32-12 che è servito però soltanto a rendere meno amaro il passivo finale. Infine è arrivato il secondo successo della Dolomiti Energia Trento di un eccellente Cameron Reynolds (19 punti e 7 rimbalzi), che ha superato 78-72 la Germani Brescia, alla quale non sono bastati i 21 punti di Naz Mitou-Long. Il match è rimasto fino alle battute finali sui binari dell’equilibrio e alla fine Trento – nonostante le pessime percentuali al tiro da tre – l’ha spuntata grazie ai canestri di Reynolds e Bradford.

Leggi anche - Eurolega, 'Settebello' dell'Armani AX Milano: Barcellona battuto e vetta in solitaria