Milano-Venezia (Ciamillo)
Milano-Venezia (Ciamillo)

Milano, 22 maggio 2021 – L’Armani AX Milano si prende gara uno della semifinale scudetto piegando, davanti a un Forum che riabbracciava seppur parzialmente il pubblico, l’Umana Reyer Venezia per 81-79. A regalare all’Olimpia il primo, soffertissimo punto nella serie ci ha pensato un sontuoso Shavon Shields, autore di 25 punti ma soprattutto del sottomano che a 1.7” dalla fine ha definitivamente riportato in vantaggio gli uomini di Messina. Ancora una volta, a sole quarantotto ore da una gara 5 dei quarti vinta contro Sassari, Venezia ha dimostrato però di essere una grande squadra, in grado di giocarsela alla pari con i biancorossi dopo aver rimontato uno svantaggio arrivato fino alle 12 lunghezze grazie all’ennesima prestazione corale, testimoniata dalla grande difesa orogranata ma anche dai cinque giocatori in doppia cifra, guidati da Stefano Tonut (18 punti) e Mitchell Watt (16 punti e 10 rimbalzi).

La cronaca

Con il trio composto da Shavon Shields, Kevin Punter e Sergio Rodriguez a dettare l’andatura, Milano ha cercato subito di prendere in mano le redini del match pur chiudendo il primo quarto con sole sette lunghezze di vantaggio (20-13). Dall’altra parte Venezia, aiutata anche dalla difesa a zona e da un tecnico fischiato a Shields, è comunque riuscita a non deragliare e a tenere la scia di Milano grazie ai canestri di Watt, De Nicolao e Stone che a 3’14” dall’intervallo lungo ha addirittura permesso ai suoi di mettere la freccia del sorpasso sul 33-34. Un vantaggio però estemporaneo perché i biancorossi in chiusura di tempo hanno dato un’altra mini-sgasata rientrando negli spogliatoi a +4 (42-38). La musica è cambiata al ritorno in campo, quando gli uomini di Messina hanno sciolto le briglie, trovando fluidità in attacco e piazzando un parziale di 11-2 suggellato dalla tripla di Shields per il 57-45.

Messa con le spalle al muro, la Reyer ha cercato di limitare i danni rientrando a -5 (60-55) prima di subire un 4-0 sul finire di terzo quarto, e all’alba della quarta frazione ha ulteriormente alzato i giri del motore con un 7-0 che l’ha riportata a contatto e lanciato la lunga volata finale nella quale De Nicolao ha provato a spaventare Milano con il sottomano del 76-77 a 2’ dalla fine. Milano ha però resistito, non crollando neppure davanti al due su due in lunetta di Watt che a 6” dalla quarta sirena ha siglato il 79-79. Sul ribaltamento di fronte, il lungo della Reyer in difesa è stato infatti bruciato da Shields che in entrata ha messo a segno il definitivo 81-79. Con 1.7” sul cronometro, Venezia ci ha comunque riprovato ma la tripla finale di Tonut si è spenta sul ferro.

Leggi anche - Playoff Nba 2021: il tabellone. Quali sono le favorite e dove vedere le partite in tv