L'esultanza della squadra Carpegna Pesaro
L'esultanza della squadra Carpegna Pesaro

Bologna, 11 gennaio 2020 – Quello che probabilmente passerà agli archivi come il colpo della prima giornata di ritorno del campionato di Serie A di basket lo ha firmato la Carpegna Prosciutto Pesaro che ha colto il primo successo stagionale sconfiggendo 80-77 a domicilio la Fortitudo Pompea Bologna. Un successo maturato grazie alla grande concretezza e intensità dei marchigiani, sospinti da un quartetto di giocatori in doppia cifra composto da Troy Williams (17 punti), Vasa Pusica (15 punti), Jaylen Barford e Leonardo Totè (12 punti conditi da 12 rimbalzi) e capaci di speculare alla perfezione sulle difficoltà dalla lunga distanza della Pompea che ha chiuso con un assai negativo 6/25 dai 6.75 metri. Grazie ai canestri di Miaschi Mussini e Williams, Pesaro ha guadagnato il primo vantaggio in doppia cifra nel secondo quarto e poi ha saputo respingere tutti assalti di una Fortitudo apparsa quest’oggi poco organizzata e concreta. Arrivati a -2 ad inizio terzo quarto i biancoblu sono stati subito ricacciati indietro dai marchigiani e nel finale hanno riprovato a farsi sotto grazie a Pietro Aradori (21 punti) e Henry Sims (16 punti, 19 rimbalzi, 7 assist e 5 stoppate) che però ha mancato la tripla dell’aggancio a 13” dalla fine.

Successo esterno anche per la Germani Brescia che ha sbancato Reggio Emilia 87-81. I biancoblu, al sesto successo consecutivo in campionato, sono stati protagonisti di una grande prestazione corale, testimoniata dai sei uomini in doppia cifra – capitanati da Awudu Abass, autore di 16 punti – e dalle ottime percentuali al tiro (57% da due e 40% da tre). Dopo un primo quarto giocato in equilibrio, la Germani ha preso il largo spinta dalla sostanza di Cain e Sacchetti che hanno propiziato +16 biancoblu (26-42), alleggerito sul finire di primo tempo dalle giocate vincenti di Darius Johnson-Odom (15 punti) e Owens (37-48). In avvio di terza frazione il gap si è assottigliato fino alle 5 lunghezze ma Brescia non ha tentennato e grazie ad Abass prima e Vitali poi ha ripreso quota e messo le mani sulla vittoria.