Vanoli Cremona - A|X Armani Exchange Olimpia Milano (foto Ciamillo)
Vanoli Cremona - A|X Armani Exchange Olimpia Milano (foto Ciamillo)

Milano, 8 novembre 2021 – Non conosce soste nemmeno in campionato la marcia vincente dell’Armani AX Milano che, dopo aver piegato in Eurolega il Barcellona, ha colto il settimo sigillo in altrettante gare di Serie A piegando non senza fatica la Vanoli Cremona 93-86: i biancoross hanno provato a dare la spallata decisiva nella terza frazione con un parziale di 28-12 ispirato da Rodriguez e valso il +16 a 10’ dalla fine, ma poi hanno subito il rientro di Cremona arrivata fino al -1 (84-85) prima di subire i canestri di Dinos Mitoglou, Nicolò Melli (top scorer con 20 punti) e Rodriguez che hanno tolto le castagne dal fuoco. Dietro ai meneghini avanza la Happy Casa Brindisi, al sesto successo consecutivo in campionato: la compagine salentina ha sconfitto 84-71 a domicilio una Openjobmetis Varese, arrivata all’appuntamento senza Egbunu e Wilson. Mattatore dell’incontro Raphael Gaspardo, autore di 27 punti con 5/5 da due e 4/9 da tre). Grazie a Jones i lombardi sono comunque riusciti a restare in scia fino alle ultime curve del match quando la Happy Casa ha dato la sgasata con i canestri di Chappell e Perkins.

Successi per Venezia, Fortitudo e Napoli

Ha ritrovato il sorriso, dopo tre ko tra campionato e coppa, l’Umana Reyer Venezia che ha travolto 94-74 la Unahotels Reggio Emilia che si presentava all’appuntamento ancora senza Osvaldas Olisevucius. Gli orogranata, trascinati dalla prova maiuscola di Stefano Tonut (23 punti), hanno archiviato la pratica già nel primo tempo, chiuso sul 53-33 e poi si sono limitati a gestire il cospicuo vantaggio senza il minimo tentennamento. Prova positiva anche per la Fortitudo Kigili Bologna che ha rialzato la testa dopo il tonfo a Brescia: i biancoblu felsinei hanno infatti sconfitto la Nutribullet Treviso 83-70. Bologna è partita con il turbo e ha chiuso sul 25-12 la prima frazione. Con l’aiuto di Robin Benzing (19 punti), la Fortitudo ha poi cercato di tenere dritta la barra del timone ma Treviso si è rifatta sotto grazie alla prova monumentale dell’ex di serata Henry Sims (24 punti). La rimonta trevigiana si è però fermata sul -1 (61-60) perché due triple letali di Baldasso e i canestri finali di Ashley hanno chiuso i conti. Infine, la GeVI Napoli, pur priva di Parks, del nuovo acquisto Jeremy Pargo e di Frank Elegar – messo ko nel riscaldamento da un problema – ha vinto la tiratissima sfida tra matricole piegando 92-89 la Bertram Tortona. Su questo successo c’è il timbro indelebile di Arnoldas Velicka, autore di 26 punti e 8 rimbalzi.