Il ct azzurro Meo Sacchetti
Il ct azzurro Meo Sacchetti

Milano, 21 novembre 2020 - Sono 16 i convocati dal commissario tecnico Meo Sacchetti per il ritrovo a Roma di lunedì prossimo, prima tappa del viaggio che porterà la Nazionale di pallacanestro mercoledì 25 novembre a Tallinn, dove affronterà fra sabato 28 e lunedì 30 rispettivamente i padroni di casa dell'Estonia e la Russia, nelle gare di qualificazione agli Europei del 2022. Europei che verranno organizzati anche dall'Italia (uno dei quattro gironi della prima fase andrà in scena al Forum di Milano), di conseguenza già sicura di prendere parte alla manifestazione continentale. Ma nonostante questo, gli azzurri puntano a chiudere primi nel loro raggruppamento, specie dopo aver cominciato con il piede giusto, vincendo le due partite inaugurali (83-64 contro la Russia e 81-87 contro l'Estonia). 

Obiettivo Preolimpico

Per Sacchetti queste due sfide saranno anche l'occasione per testare i tanti giovani a disposizione, oltre naturalmente coloro che si stanno ritagliando uno spazio importante nel campionato italiano. L'obiettivo è quello di capire fra questi chi potrà tornare utile per il prossimo grande appuntamento: il torneo Preolimpico in programma - pandemia permettendo - per la prossima estate. Di seguito, ecco la lista dei 16 convocati dal ct azzurro, che scenderanno a 12 per la partenza per la “bolla” di Tallinn: Amedeo Della Valle (Buducnost Voli – Montenegro), Marco Spissu (Banco di Sardegna Sassari), Paolo Banchero (O’Dea High School – Usa), Leonardo Candi (Unahotels Reggio Emilia), Davide Moretti (A|X Armani Exchange Milano), Tommaso Baldasso (Virtus Roma), Amedeo Tessitori (Virtus Segafredo Bologna), Giampaolo Ricci (Virtus Segafredo Bologna), Raphael Gaspardo (Happy Casa Brindisi), Giordano Bortolani (Germani Brescia), Michele Ruzzier (Openjobmetis Varese), Michele Vitali (Brose Bamberg – Germania), Andrea Pecchia (Acqua San Bernardo Cantù), Davide Alviti (Allianz Pallacanestro Trieste), Nicola Akele (De’ Longhi Treviso), Alessandro Pajola (Virtus Segafredo Bologna). 

Leggi anche: Gallinari ad Atlanta