Simone Pianigiani (LaPresse)

Milano, 20 agosto 2018 – Tra le sette formazioni in serie A che hanno preso il via oggi col raduno precampionato c’è l’EA7 Milano Campione d’Italia 2017-2018. Tutti e tredici presenti i giocatori che questo pomeriggio si sono ritrovati al Vismara per una prima seduta atletica per poi trasferirsi domani al Medionalum Forum per un primo allenamento di tecnica e tattica. Roster che presenta conferme e novità quello voluto dal coach Simone Pianigiani chiamato in questa seconda annata coi meneghini al doppio impegno serie A – Eurolega: “La prima cosa che voglio dire – e mi piace molto se penso a quello di cui necessita la squadra – è che sono tutti intercambiabili, sono giocatori duttili che possono adattarsi a vari assetti. Burns – spiega l’ex ct dell’Italia - ha energia, mobilità e corsa, un tratto che accomuna tutti i nuovi: sono giocatori che sanno giocare in velocità. Lo stesso può farlo Jeff Brooks, che è un 4 che può giocare anche da 3 o allargare il campo e spendersi su più ruoli. Gli esterni sono in grado di correre e spingere che è quello che cercavamo per quanto sia impossibile costruire una squadra “da corsa” per ottanta partite l’anno. Lo si può fare però all’interno delle gare ed è quello che vogliamo. James, Nedovic e Della Valle possono finalizzare, creare, giocare più di un tipo di basket e adattarsi bene agli altri esterni. Sappiamo fin d’ora quanto sarà importante nei momenti più difficili poter contare su compagni pronti. Tutti loro hanno recepito il progetto del club e il processo di crescita. Quindi portano a Milano lo stesso entusiasmo e la stessa energia positiva degli altri.”


Quelli citati dall’allenatore sono le pedine arrivate dal mercato estivo che vanno ad aggiungersi a coloro che hanno riportato lo scudetto a Milano dopo due anni ovvero Curtis Jerrells, Andrea Cinciarini, Mindaugas Kuzminskas, Dairis Bertans, Vladimir Micov, Kaleb Tarczewski e Arturas Gudaitis. Sul doppio binario Italia – Europa Pianigiani riconosce le difficoltà ma non nega le ambizioni del suo club a partire dal bissare il tricolore: “Tante squadre hanno fatto un mercato importante, sono venuti tanti giocatori di primo livello, alcuni provenienti dalla NBA o da squadre di Euroleague, e numerose formazioni faranno esperienza internazionale che stimola giocatori di qualità a venire da noi. Sarà subito complesso perché avremo otto trasferte nel girone di andata e molte di esse contro squadre da playoff. Il campionato ci vorrà guardare subito in faccia ma dovremo essere pronti fin dall’inizio.”

Sulla scena europea le difficoltà anche in questo caso non mancheranno: “L’Euroleague ormai è questa, sempre più affascinante, anzi sarà sempre più dispendiosa con questo formato. Chiaro sia la lega migliore dopo la NBA. Noi abbiamo la volontà e il desiderio di competere sempre più e sempre meglio. Lo vogliamo noi e lo vuole il club. Fare proclami non è possibile. Ci saranno le solite squadre a giocare per vincere e tutte le altre che vogliono fare i playoff e regalarsi grandi notti di vittorie.”

Davide Baselice