Luigi Datome (ANSA)
Luigi Datome (ANSA)

Istanbul (Turchia), 24 gennaio 2020 – Non si arresta la risalita in Eurolega del Fenerbahce Istanbul di Zeljmir Obradovic che batte 73-64 l’Armani AX Milano dello storico rivale Ettore Messina e coglie la quarta vittoria nelle ultime cinque gare (terzo ko esterno consecutivo per i biancorossi invece). Un successo arrivato con qualche brivido finale e grazie alle triple di Nando De Colo (12 punti) e Kostas Sloukas (10 punti) che hanno messo la ciliegina sulla torta stoppando la rimonta milanese – partita dal -17 e arrivata fino al -2 – e hanno stravinto il duello a distanza con i vari Micov, Rodriguez e Nedovic. Il tiro da tre si è quindi rivelato delizia per il Fenerbahce (10/26 dall’arco per i gialloblu) e croce per l’Olimpia Milano che ha chiuso con un poco edificante 3/16 dai 6.75 metri e si è quindi dovuta aggrappare ai muscoli di Kaleb Tarczewski che però, nonostante il career high in Eurolega (19 punti e 9 rimbalzi), non è bastato per strappare l’inerzia del match a Gigi Datome (14 punti) e compagni.

Proprio il capitano azzurro, dopo alcuni minuti di impasse su entrambi i lati del parquet, si accende e traccia la rotta del buon avvio del Fenerbahce a cui dall’altra parte Milano prova a rispondere con Sykes. L’ex Avellino commette però ben presto il suo secondo fallo e, quando rientra in panchina, il Fenerbahce ne approfitta sfruttando le tante palle perse di Milano (8 dopo 20’) e i canestri di Kalinic e Datome per allungare a +9 a fine primo quarto (24-15). Milano, pur faticando nel tiro da fuori, tenta una timida reazione ma i padroni di casa sono in fiducia e danno un’altra frustata facendo scivolare i biancorossi a -17 sotto le stilettate di Westermann, Datome e Sloukas (37-30). Messina si rifugia in un timeout da cui Milano esce con rinnovata energia. Roll e Rodriguez ispirano infatti il -10 di fine primo tempo dei meneghini che iniziano così la loro rimonta proseguita nella fase centrale del match e culminata con il canestro e fallo – ma con aggiuntivo sbagliato – di Della Valle che a 5’ dalla fine manda a bersaglio il -2 Armani (60-58). Kalinic replica con la tripla che riallontana Milano che poco più tardi si trova comunque con Micov nelle mani i palloni per riavvicinarsi ulteriormente. Occasioni sprecate e punti dal Fenerbahce che nelle ultime curve sigla le bombe decisive con De Colo e Sloukas.