30 apr 2021

Eurolega: l'Olimpia Milano cade in rimonta. Zipser e Lucic portano il Bayern a gara 5

I bavaresi hanno recuperato dal -13 e si sono imposti per 85-82

matteo airoldi
Sport
epa09170543 Munich's Jajuan Johnson (R) in action against Milan's Zach Leday (L) during the Euroleague Quarterfinal basketball match between Bayern Munich and AX Armani Exchange Milan in Munich, Germany, 30 April 2021.  EPA/LUKAS BARTH-TUTTAS
Bayern Monaco - Olimpia Milano

Monaco di Baviera (Germania), 30 aprile 2021 – Dopo la serie tra Efes e Real Madrid e quella tra Barcellona e Zenit, si deciderà a gara 5 anche quella tra Bayern Monaco e Olimpia Milano, che martedì si giocheranno al Forum di Assago il pass per la Final Four di Eurolega in programma a Colonia dal 28 al 30 maggio. La formazione di Andrea Trinchieri è infatti riuscita nell’impresa di imporsi per 85-82 anche nel quarto atto della serie, dopo essere stata sotto per più di tre quarti di gara e aver toccato anche il -13. A guidare la strepitosa rimonta bavarese ci hanno pensato un immarcabile Paul Zipser (16 punti), il solito Wade Baldwin nonostante un infortunio alla caviglia nel secondo tempo (18 punti) e Vladimir Lucic che, come in gara 3, si è caricato l’attacco del Bayern sulle spalle nel momento chiave del match. A Milano resta invece il rammarico di aver gettato alle ortiche anche questo secondo match point per chiudere la serie e di non aver capitalizzato l’ennesima grande serata di Malcolm Delaney (28 punti) e di Shavon Shields, protagonista di un episodio contestato nel finale.

La cronaca

Nonostante le bassissime percentuali (5/18 iniziale) nel tiro da due, il Bayern, dopo un avvio equilibrato, ha provato a prendere in mano le redini del match con uno scatenato DJ Seeley (11 punti nel solo primo quarto), ispiratore assieme a Baldwin e Johnson del +4 bavarese al suono della prima sirena (23-19). La reazione milanese non si è però fatta attendere: tre bombe ravvicinate di Datome, Rodriguez e Delaney (per lui anche fallo subito e libero convertito) hanno infatti dato vita al break di 10-0 che ha spostato l’inerzia del match verso l’Olimpia che ha poi continuato a cavalcare l’onda di un indemoniato Delaney (17 punti nei primi 20’) per tornare negli spogliatoi a +10 (40-50). Rientrati sul parquet, i meneghini hanno continuato a correre toccando l’apice della loro serata con la schiacciata di LeDay per il 42-55, ma il Bayern non si è dato per vinto e ha tentato già nella terza frazione la rimonta, stoppata, dalla tripla di tabella e a fil di sirena di Shields, valsa il 63-71 a 10’ dalla fine.

Quando il corso della partita sembrava poter tornare in discesa per gli uomini di Messina, però, è arrivato il definitivo cambio di passo dei padroni di casa che, trascinati da Zipser, hanno via via eroso tutto il vantaggio di Milano, mettendo la freccia con il jumper dell’80-79 firmato da Reynolds. Messa alle strette, Milano ha trovato ancora una volta la forza di reagire tornando a +2 grazie a Delaney e mancando addirittura il +4 a causa di un fallo in attacco molto dubbio fischiato a Shields. Sbagli pagati a caro prezzo perché il Bayern, con un pazzesco alley oop sull’asse Zipser-Lucic, ha infatti rimesso la testa avanti allungando a +3 e tirando un sospiro di sollievo sugli errori dalla lunga di Datome e Delaney.

Leggi anche - Europei Basket 2022, sorteggio gironi: Italia con Grecia, Croazia, Ucraina, Estonia e Gb

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?