Gregg Popovich (ANSA)
Gregg Popovich (ANSA)

Melbourne (Australia), 24 agosto 2019 – A sette giorni dall’inizio del Mondiale di pallacanestro la corazzata di Team USA ha scritto una pagina per certi versi negativa della sua storia più recente: in quel di Melbourne, dove gli uomini di Popovich stanno ultimando la preparazione in vista della manifestazione iridata, la selezione statunitense è stata infatti sconfitta in amichevole 98-94 dall’Australia padrona di casa e trascinata da un incontenibile Patty Mills, autore di 30 punti e di uno strepitoso ultimo quarto. Questo ko arriva dopo ben 13 anni nei quali Team USA aveva collezionato 78 vittorie (l’ultima sconfitta internazionale risaliva ai Mondiali del 2006. Nonostante il passo falso, comunque, coach Gregg Popovich non ha fatto drammi e ha colto il lato positivo della scoppola: “Qualcosa che potevamo aspettarci perché siamo un gruppo nuovo di ragazzi che stanno cercando il giusto affiatamento. Onore all’Australia che ci ha dato una lezione, mostrandoci l’atteggiamento che serve se vogliamo fare strada in una competizione come il Mondiale”.

A fine gara, poi, il selezionatore di Team USA ha sciolto le ultime riserve comunicando il taglio di Kyle Kuzma. A difendere i colori statunitensi e a puntare in terra cinese al tris iridato (gli USA hanno vinto le ultime due edizioni dei Mondiali giocate in Turchia e Spagna) saranno quindi Harrison Barnes, Jaylen Brown, Joe Harris, Brook Lopez, Khris Middleton, Donovan Mitchell, Mason Plumlee, Marcus Smart, Jayson Tatum, Myles Turner, Kemba Walker, e Derrick White.