James Harden
James Harden

Milano, 13 gennaio 2021 - Scossone sul pianeta Nba. I Brooklyn Nets lanciano un messaggio a tutta la Lega, strappando James Harden a Houston. Il "Barba", da settimane in rotta con i Rockets, saluta il Texas dopo nove stagioni e ritrova quel Kevin Durant con cui è ha condiviso lo spogliatoio ai tempi di Oklahoma. Non solo, perché dovesse rientrare il caso Kyrie Irving (con il play-guardia fuori da quattro partite per cause personali), la squadra allenata da Steve Nash si ritroverebbe con tre All Star. Fatto sta che la trade imbastita con Houston, e che coinvolge anche Cleveland e Indiana, rappresenta una mossa dall'intento chiaro: rafforzare il roster per puntare quantomeno alla conquista di quelle Finals che i Nets non raggiungono dal 2003, quando ancora la franchigia era in New Jersey.

I dettagli della trade

Come detto, il mega affare riguarda ben quattro squadre, sette giocatori e svariate scelte al Draft. Ricapitolando, Harden approda a Brooklyn, mentre l'altro grosse nome, Victor Oladipo, va a Houston. Houston che ottiene pure Dante Exum, Rodions Kurucs, tre scelte al primo giro dei Nets (2022, 2024, 2026), una scelta al primo giro dei Milwaukee Bucks (2022, non protetta) e quattro possiibli scambi con Brooklyn al primo giro (2021, 2023, 2025 e 2027). Gli Indiana Pacers ricevono Caris LeVert e una scelta al secondo giro e Cleveland si prende Jarrett Allen e Taurean Prince. 

Leggi anche: Il trionfo di Milano su Valencia