Los Angeles (Stati Uniti), 9 luglio 2018 – A pochi giorni dal clamoroso approdo di LeBron James ai Los Angeles Lakers, cominciano ad emergere alcuni curiosi retroscena sul passaggio del ‘Re’ ai gialloviola. L’ultimo riguarda un colloquio tra il coach dei Cavaliers Tyronn Lue e il suo collega dei Lakers, Luke Walton che avrebbe chiesto referenze sul fuoriclasse di Akron: “Ci siamo incontrati – ha ammesso Lue – e lui mi è sembrato decisamente disposto all’ascolto. Ho voluto fargli sapere che gran parte delle cattiverie che si dicono sul conto di LeBron non sono vere, come il fatto che non sia un giocatore facile da allenare. Sono certo che anche ai Lakers farà di tutto per far vincere il team. Proverà tante soluzioni e se non andranno bene sarà il primo a volerne discutere”.

Intanto però il mercato della “free agency” NBA non si ferma: ieri infatti arrivata l’ufficialità del rinnovo di Chris Paul che ha inchiostrato con gli Houston Rockets un'intesa quadriennale da 160 milioni complessivi. Un contratto di quattro anni da 78 milioni lo ha firmato anche Zach laVine che resta quindi legato ai Chicago Bulls, mentre Damian Lillard ha scelto di togliersi dal mercato soffocando sul nascere i rumors di mercato che lo davano in partenza in direzione Los Angeles, ovviamente sponda Lakers: “Non è vero che non sto bene a Portland. Amo la città, la mia franchigia e tutta la squadra”. Il numero “0” dei Blazers ha poi fatto una promessa ‘Porterò la squadra ai playoff”.