Kevin Durant (LaPresse)
Kevin Durant (LaPresse)

Oakland (Stati Uniti), 22 dicembre 2017 – Regali di Natale anticipati per i Golden State Warriors che sotto l’albero hanno trovato l’undicesima vittoria consecutiva e il primato in solitaria della Western Conference: i californiani infatti, trascinati da un eccellente Durant (33 punti), hanno vinto il secondo derby contro i Los Angeles Lakers nel giro di pochi giorni battendoli 113-106 e rendendo vana la clamorosa rimonta dei gialloviola (capaci di azzerare un gap di 24 lunghezze mettendo anche la testa avanti nel finale), e, approfittando del passo falso degli Houston Rockets – privi di Chris Paul e sconfitti 128-118 dai Clippers di un devastante Austin Rivers (36 punti) nonostante i 51 punti segnati da Harden,  espulso poi nel finale per aver strappato la palla all’arbitro -, hanno piazzato la zampata del sorpasso in classifica.

Non è bastata invece quella che fino ad oggi è stata la miglior prestazione di Marco Belinelli in stagione (27 punti con 5/10 da tre e 5 assist smazzati ai compagni) per evitare agli Atlanta Hawks la sconfitta contro i Thunder (la sesta nelle ultime sette gare): l’azzurro è stato il propulsore della rimonta della franchigia della Georgia che dopo essere finita a -15 verso la metà del terzo quarto (74-59), ha risalito la corrente trovando il guizzo del sorpasso a 9 minuti dalla fine (90-88). A quel punto però è risalito in cattedra Russell Westbrook – migliore in campo con 30 punti, 15 assist e 7 rimbalzi – che assieme a Grant, Anthony e Adams ha propiziato il nuovo e decisivo allungo di OKC che ha poi vinto 120-117. Seconda sconfitta in tre gare per i Knicks che, nonostante i 29 punti di Porzingis e la doppia doppia di Kanter (22 punti e 16 rimbalzi), sono stati beffati al fotofinish dai Pistons di un granitico Andre Drummond (18 punti e 10 rimbalzi). Infine nella notte sono arrivate anche le vittorie di Pelicans (111-97 contro Orlando), Nets (119-84 contro i Wizards), Bucks (109-104 contro gli Hornets), Heat (113-101 contro i Mavericks) e Nuggets (102-85 contro i Tial Blazers)