Houston (Stati Uniti), 24 agosto 2018 – Negli occhi e nel cuore dei giocatori degli Houston Rockets è ancora forte la delusione per l’eliminazione a gara 7 delle finali di Western Conference patita per mano dei Golden State Warriors che comunque hanno concretamente rischiato a loro volta di non arrivare alle Finals dopo essere finiti sotto 3-2 in quella serie. Adesso però è il momento di voltare pagina e pensare alla nuova stagione che sta per iniziare. Il primo a voler guardare con fiducia al futuro è James Harden, che pure lo scorso anno ha vinto il titolo di MVP al termine di una stagione a dir poco strepitosa dal punto di vista personale, in cui ha viaggiato ad oltre 30 punti e quasi 9 assist di media

Il “Barba” infatti è prontissimo ad accogliere in biancorosso Carmelo Anthony, fuoriclasse che a 34 anni compiuti proverà a dare forse l’ultimo assalto in carriera al suo primo anello, formando un tridente di primissimo livello proprio assieme ad Harden e a Chris Paul. Un inserimento, quello di ‘Melo’, che secondo Harden sarà tutt’altro che complicato, visti il talento e l’intelligenza cestistica dell’ex Knicks: “Arrivo da una stagione chiusa con il titolo di MVP e credo che l’inserimento in squadra di Melo sarà piuttosto semplice. Sarà una transizione facile perché quando in squadra ci sono più giocatori dotati di un elevatissimo quoziente intellettivo cestistico tutto risulta più agevole. Tutti sanno che Carmelo è forte e dotato di uno straordinario talento. Sono certo che abbia ancora molto da dare alla pallacanestro e noi da lui tireremo fuori il meglio. Adesso dobbiamo solo farlo entrare nel clima dello spogliatoio prima dell’inizio della stagione”.