Antetokounmpo (ANSA)
Antetokounmpo (ANSA)

Milwaukee (Stati Uniti), 21 luglio 2021 – Missione compiuta per i Milwaukee Bucks che interrompono un digiuno durato cinquant’anni esatti, mettendo in bacheca il secondo titolo NBA della loro storia dopo aver piegato 105-98 e aver chiuso sul 4-2 la serie finale. Un successo che porta la firma di un Giannis Antetokounmpo, dimostratosi per l’ennesima volta un giocatore leggendario e capace di caricarsi i compagni sulle spalle, trascinandoli al successo con una prestazione monstre da 50 punti (16/25 dal campo e addirittura 17/19 ai liberi), 14 rimbalzi e 5 stoppate date. Attorno a lui un cast di supporto che ha comunque fornito un buon contributo, come testimoniato dai 16 punti di Bobby Portis e dalla tripla doppia sfiorata da Jrue Holiday (12 punti, 11 assist e 9 rimbalzi). Svanisce invece sul più bello, al termine di una stagione comunque da incorniciare, il sogno dei Suns che sul 2-0 iniziale nella serie credevano e non poco nell’impresa: alla franchigia dell’Arizona, questa notte, non è bastata l’ennesima prova da fuoriclasse di Chris Paul (26 punti). A pesare sul finale di gara 6, indubbiamente, quella che è forse la prestazione più opaca in questi playoff di Devin Booker, che ha sì chiuso con 19 punti ma anche con un insufficiente 8/22 al tiro.

La gara

Contrariamente a quanto avvenuto in altre gare della serie, i Bucks sono partiti forte chiudendo sul 29-16 un primo quarto in cui i Suns si sono trovati a litigare con il ferro. Le cose per i ragazzi di coach Monty – Williams sono però decisamente cambiate in una seconda frazione nella quale è salito in cattedra Chris Paul che, con 13 punti mandati a bersaglio nel frangente, è stato il principale ispiratore del parziale di 31-13 che ha mandato i Suns negli spogliatoi sul 47-42, riportando di fatto il match sui binari dell’equilibrio. Testa a testa che è sostanzialmente proseguito senza esclusione di colpi fino ai 12’ conclusivi, nei quali Giannis ha deciso di scrivere la parola fine sulla serie mandando a bersaglio 13 punti che hanno fiaccato anche le ultime resistenze Suns.

Leggi anche - Basket, la Nigeria batte in amichevole gli Usa e scrive la storia