Los Angeles (Stati Uniti), 27 gennaio 2020 – L’improvvisa e prematura scomparsa di Kobe Bryant – deceduto ieri a Calabasas, in California, a seguito di un tragico incidente in elicottero nel quale hanno perso la vita altre otto persone tra cui Gianna, figlia maggiore del fuoriclasse nativo di Filadelfia – ha comprensibilmente scosso tutto il mondo dello sport suscitando le reazioni di tanti campioni di tutte le discipline che in carriera hanno incrociato, magari anche solo per un istante, i loro destini con quello di Kobe: "Non ho parole – ha scritto su Instagram Lionel Messi -. Desidero esprimere vicinanza alla famiglia e agli amici di Kobe. E’ stato un piacere conoscerti e condividere bei momenti con te. Sei stato un genio come pochi". Dello stesso tenore anche le parole di Cristiano Ronaldo della Juventus: "E’ davvero triste apprendere la straziante notizia della morte di Kobe e di sua figlia Gianna. Lui è stato una vera leggenda e una grande fonte d’ispirazione per tanti di noi. Condoglianze alla famiglia e agli amici di tutti coloro che hanno perso la vita in quell’incidente".

Messaggi che testimoniano la trasversalità della grandezza della figura di Kobe Bryant e il suo legame con il mondo del calcio, rafforzato dal tifo per i colori del Milan (“Se mi tagliassero il braccio sinistro sanguinerei rossonero” aveva detto Bryant pochi anni fa dopo una visita a Milanello) che non ha tardato a ricordare l’ex Lakers postando una sua foto in maglia rossonera corredata da una nota di cordoglio: “Siamo sotto shock per la tragica scomparsa di un grande uomo di sport e tifoso rossonero come Kobe. Il nostro pensiero va alle famiglie delle vittime di questo tragico incidente”.

Anche Francesco Totti, legato a Bryant da un rapporto di amicizia, ha poi voluto tributare a Kobe un pensiero: "Onorato di averti conosciuto – ha scritto sui social l’ex giallorosso –, campione dentro e fuori dal campo”. Infine tra la miriade di ricordi tributati a Bryant dal mondo della pallacanestro non potevano mancare quello straziante di Shaquille O’Neal, che con Kobe ha condiviso anni di trionfi ai Los Angeles Lakers, e quello di Michael Jordan a cui l’ex gialloviola è stato spesso accostato. "Non ci sono parole per esprimere il dolore che sto provando in questo momento tragico per la perdita di mia nipote “Gigi” e del mio amico, fratello e compagno di tanti successi. Ti voglio bene e mi mancherai per sempre" è stato il pensiero di Shaq. Un vero e proprio urlo di dolore anche le parole di "MJ": "Ho perso un fratello minore a cui ho voluto tanto bene".