Kobe contro Lebron
Kobe contro Lebron

Milano, 28 gennaio 2020 - Sono ore difficili queste per l’intero mondo sportivo. La scomparsa di Kobe Bryant e degli altri passeggeri dell’elicottero precipitato (fra i quali anche la figlia 13enne Gianna Maria) ha scioccato tutti. Lo sconvolgimento generale è tangibile dando ad esempio uno sguardo ai social, specie su Twitter, dove l’hashtag #Bryant è primo in tendenza nel mondo. Milioni i messaggi di affetto e di ricordo nei confronti del Black Mamba. Ovviamente non poteva mancare quello di Lebron James, colui che a Los Angeles, sponda Lakers, viene considerato l'erede del 24. 

"Non sono pronto, ma eccomi qui - ha scritto l'ex Miami e Cleveland sul proprio account Instagram - Amico, sono seduto qui e cerco di scrivere qualcosa in questo post, ma ogni volta inizio a piangere pensando a te, a GiGi e all’amicizia/legame/fratellanza che abbiamo avuto. Avevo sentito la tua voce domenica mattina prima di lasciare Philly per tornare a LA. Non avrei mai pensato che sarebbe stata l’ultima volta. Il mio cuore è spezzato, sono devastato fratello mio. Amico, ti amo fratellone. Il mio cuore va a Vanessa e alle ragazze. Ti ho promesso che avrei proseguito la tua eredità amico. Significa molto per noi qui, in particolare per la #LakerNation ed è mia precisa responsabilità caricarmi questa merda sulla schiena e andare avanti. Per favore, dammi la forza dai cieli e veglia su di me. Vorrei dire molto di più, ma in questo momento non riesco, non riesco a superare tutto questo. Fino a quando non ci incontreremo di nuovo fratello!!". 

Lebron è insomma intenzionato a raccogliere il testimone dalle mani di Bryant, come peraltro già successo un giorno prima del drammatico incidente, con il sorpasso del 23 gialloviola su Kobe al terzo posto all-time tra i migliori marcatori Nba. Ma è solo l'inizio, perché King James da adesso in poi lavorerà ancora più duramente per riportare a Los Angeles quel titolo che manca dal 2010 e per entrare nella storia dei Lakers, dove il nome di Kobe Bryant è scritto ormai da tempo a lettere cubitali. 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I’m Not Ready but here I go. Man I sitting here trying to write something for this post but every time I try I begin crying again just thinking about you, niece Gigi and the friendship/bond/brotherhood we had! I literally just heard your voice Sunday morning before I left Philly to head back to LA. Didn’t think for one bit in a million years that would be the last conversation we’d have. WTF!! I’m heartbroken and devastated my brother!! 😢😢😢😢💔. Man I love you big bro. My heart goes to Vanessa and the kids. I promise you I’ll continue your legacy man! You mean so much to us all here especially #LakerNation💜💛 and it’s my responsibility to put this shit on my back and keep it going!! Please give me the strength from the heavens above and watch over me! I got US here! There’s so much more I want to say but just can’t right now because I can’t get through it! Until we meet again my brother!! #Mamba4Life❤️🙏🏾 #Gigi4Life❤️🙏🏾

Un post condiviso da LeBron James (@kingjames) in data: