Meo Sacchetti
Meo Sacchetti

Perm (Russia), 18 febbraio 2021 – Comincia nel migliore dei modi l’avventura dell’Italbasket nella “bolla” di Perm dove si disputa la finestra di febbraio delle qualificazioni ad Eurobasket 2022, manifestazione alla quale l’Italia parteciperà comunque di diritto essendo uno dei paesi ospitanti di un girone: gli azzurri hanno infatti piegato 92-84 la Macedonia del Nord nel recupero del match non giocato a novembre per via di diversi casi Covid-19 riscontrati nel gruppo squadra macedone. Per imporsi gli uomini di Sacchetti hanno però dovuto faticare forse più del previsto perché la Macedonia ha giocato senza timori reverenziali, facendosi trascinare dall’ispirato Nenad Dimitrijeviki (24 punti per lui, già 10 a fine primo quarto) fino al +8 toccato nel corso del secondo quarto sul 35-43. L’Italia ha però avuto la forza di restare attaccata al match e nel finale ha sfruttato la sua maggior lucidità spezzando l’equilibrio e piazzando il colpo di reni vincente grazie alle triple di Giampaolo Ricci, Leonardo Candi e Tommaso Baldasso ma anche alla solidità di Amedeo Tessitori, miglior marcatore azzurro con 18 punti conditi da 6 rimbalzi.

Le parole di Sacchetti a fine gara

Bicchiere pieno ma solo a metà per il CT azzurro Meo Sacchetti che ai taccuini FIP ha elogiato il buon finale di gara dei suoi ma ha altresì sottolineato che questa non è stata certo la prestazione più brillante dell’Italia: “Non abbiamo giocato di sicuro il nostro basket migliore. Non ho visto una buona di-fesa soprattutto nei pick&roll e questo ha fatto si che lasciassimo canestri facili agli avversari. Comunque una vittoria è una vittoria e serve per creare lo spirito giusto in una squadra molto giovane. Mi è piaciu-ta la reazione nel finale, quando contava davvero. In quel frangente abbiamo giocato bene sia in difesa che in attacco. Ora dobbiamo recuperare e farci trovare pronti per domani”.