Della Valle (Lapresse)
Della Valle (Lapresse)

Varese, 22 febbraio 2019 - L’Italbasket di Meo Sacchetti non si lascia scappare l’occasione e al primo match point disponibile in questa finestra di gare conquista l’agognato pass per partecipare ai Mondiali che si giocheranno in Cina tra pochi mesi. Davanti ad un’Enerxenia Arena di Masnago stracolma in ogni ordine di posto, gli azzurri hanno infatti spazzato via a malcapitata Ungheria – che ha segnato più di 10 punti solo nel terzo quarto – con un vorace 75-41 e hanno raggiunto un traguardo che mancava da tredici, lunghissimi anni. A tirare le fila dell’attacco dell’Italia – che ha tirato con i 42% dal campo e un devastante 47% da oltre l’arco dei tre punti – è stato Amedeo Della Valle che ha portato a casa 15 punti e assieme a Pietro Aradori (11 punti) e Alessandro Gentile ha spianato la strada all’assolo degli azzurri. Proprio il giocatore dell’Estudiantes ha iniziato a martellare il canestro ungherese in un primo quarto chiuso avanti 15-9 dall’Italia che non si è più voltata indietro approfittando delle gravi difficoltà offensive dei magiari che sono andati negli spogliatoi a -19 (34-15) dopo aver tirato con un disastroso 7/25 dal campo e senza aver neppure segnato una tripla delle otto tentate. Il secondo tempo si è trasformato così in pura accademia per la truppa italiana che ha via via dilatato il suo vantaggio fino al +34 finale.

Si chiude così la settimana perfetta del ct Meo Sacchetti che, dopo aver conquistato la sua terza Coppa Italia con Cremona, ha raggiunto anche questo traguardo: “Questa vittoria – ha spiegato a Sky – è figlia del grande lavoro che hanno svolto questi ragazzi e anche tutti quelli che hanno partecipato ai vari raduni ma poi magari non hanno giocato. Fanno tutti parte del gruppo. L’unico passo falso è stata la sconfitta con l’Olanda ma ci siamo rialzati subito. Oggi abbiamo difeso bene e siamo stati molto bravi”. Raggiante anche il presidente della FIP Gianni Petrucci che ha così commentato questo successo ai cronisti presenti: “Sono molto emozionato. Questo è un sogno che si realizza. Era da troppo tempo che cercavamo un risultato del genere. E penso che il basket italiano lo meriti. Voglio ringraziare un grande tecnico con tutti i collaboratori, giocatori ed i presidenti di Serie A che ci sono stati vicini”. Ora l'ultimo test delle qualificazioni contro la Lituania (palla a due lunedì alle 19.30 a Klaipeda), sarà per gli azzurri totalmente ininfluente e per questo potrebbe essere concesso più spazio alle cosiddette seconde linee.