Meo Sacchetti (ANSA)
Meo Sacchetti (ANSA)

Bologna 3 febbraio 2020 – Un’Italbasket giovane e con diverse novità in vista quella che prenderà parte alle prime due gare di qualificazione del girone in vista di EuroBasket 2021 in calendario il 20 febbraio a Napoli contro la Russia ed il 23 a Tallin contro l’Estonia. Il Commissario Tecnico Romeo Sacchetti ha convocato sedici atleti che si ritroveranno il 17 febbraio nel capoluogo partenopeo presso il PalaBarbuto.

Tanti i volti nuovi nel gruppo azzurro a partire dal sedicenne Matteo Spagnolo, classe 2003 e playmaker del Real Madrid che ha già vinto una medaglia di bronzo con la Nazionale under 16 nell’estate 2019. Il brindisino non sarà l’unico “millennial” del roster vista la presenza di Giordano Bortolani, guardia militante nella Edilnol Biella in serie A2. Delle new entry provenienti dalla serie A italiana il CT ha deciso di dare una chance ad alcuni elementi divenuti punti di riferimento nelle rispettive squadre a partire da Marco Spissu col Banco di Sardegna Sassari passando per Andrea Mezzanotte con la Dolomiti Energia Trentino arrivando fino ad Andrea Pecchia dell’Acqua San Bernardo Cantù senza dimenticare Leonardo Totè della Carpegna Prosciutto Pesaro e Nikola Akele che già lavora alle dipendenze di Sacchetti in quel di Cremona. Tornano in maglia azzurra anche i vari Stefano Tonut, Andrea De Nicolao, Filippo Baldi Rossi, Simone Fontecchio e Michele Ruzzier.

Del gruppo che ha preso parte alla spedizione dei recenti Mondiali in Cina c’è il solo Amedeo Tessitori della De Longhi Treviso. Una chance è stata offerta anche a Michele Vitali e Giampaolo Ricci che pochi mesi fa hanno soltanto sfiorato la convocazione di far parte del team italiano impegnati in Oriente. Un mix di esperienza e gioventù su cui vorrà lavorare lo stesso tecnico in vista di gettare le prime basi per quella che potrebbe essere l’Italia del futuro: “Comincia una nuova fase. e approfittiamo di questa finestra di qualificazione per vedere da vicino giocatori nuovi e per dare loro la possibilità di fare esperienza ad alto livello. In questa occasione abbiamo deciso di convocare un paio di ragazzi molto giovani e diversi giocatori che il campionato ci ha segnalato, negli ultimi mesi, per qualità e costanza di rendimento. L'idea è quella di ampliare il numero di atleti a disposizione e parallelamente coinvolgere i giovani. Non solo in vista del Preolimpico di giugno ma anche per le competizioni che ci attendono nel prossimo futuro, a partire dall’Europeo che giocheremo in casa nel 2021.”