Una partita della Fulgorlibertas (Fantini)
Una partita della Fulgorlibertas (Fantini)

Forlì, 2 gennaio 2015 - È finita. Per la FulgorLibertas non ci sarà un domani: la prima squadra forlivese, dopo mesi di rinvii, promesse e vane speranze da parte della proprietà, chiude i battenti.

Ormai fuori dal PalaCredito, con diversi giocatori accasatisi altrove o sul mercato, la situazione della prima squadra cittadina era divenuta ormai insostenibile.

“Nonostante le molte difficoltà e le condizioni precarie in cui si trovava la Società, credevo di poter riportare la pallacanestro di Forlì, ai livelli del prestigioso passato - scrive Massimiliano Boccio, in una lettera aperta alla città - ora posso affermare che nonostante tutti i miei sforzi, non sono riuscito a trasformare questo mio entusiasmo in fatti concreti”.

“Desidero scusarmi inoltre con la Città, i tifosi ed i sostenitori della Fulgor Libertas che in questi mesi ci hanno fatto sentire il loro calore. Lascio Forlì senza aver potuto ricambiare il loro affetto”: così chiude Boccio nella sua lettera. Lettera che chiude idealmente un ventennio di pallacanestro forlivese che perde così, di nuovo, dopo il 1999, la sua prima squadra.