Ettore Messina
Ettore Messina

Villeurbanne (Francia), 6 febbraio 2021 – Si ferma dopo sei successi consecutivi la corsa in Eurolega dell’Armani AX Milano che all’Astroballe di Villeurbanne viene battuta 78-69 dall’Asvel. Fatale all’Olimpia – che era reduce dal passo falso in campionato contro Trieste e che doveva fare i conti con le pesanti assenze di Micov-Rodriguez e Brooks – il calo di energia accusato nel quarto quarto, nel quale l’ASVEL, dopo un lungo inseguimento, ha messo la freccia del sorpasso e, con un break di 26-13 ispirato dalle giocate vincenti di due vecchie conoscenze della Serie A come Norris Cole (12 punti) e David Lighty (16 punti) e dalle triple di William Howard, ha allungato le mani sulla quinta vittoria continentale di fila. Da sottolineare però, nelle file dei transalpini, anche le ottime prove nel pitturato di Moustapha Fall (12 punti e 8 rimbalzi) e di Guerschon Yabusele (14 punti con 7/9 da due). A Milano, alla quale non sono bastate le buone prestazioni di Shavon Shields (16 punti) e Zach LeDay (14 punti e 8 rimbalzi), resta invece il rammarico di non aver cavalcato il buon momento in uscita dagli spogliatoi quando è riuscita a raggiungere anche la doppia cifra di vantaggio.

La cronaca

Spinta da un ispirato Shields (10 punti nel solo primo quarto per lui) e da Zach LeDay, Milano ha provato a sfruttare già nella frazione d'apertura un buon lavoro in fase offensiva raggiungendo il +5 ad una manciata di secondi dalla prima sirena (18-23). L’Asvel è però riuscito a limitare i danni e, pur gettando alle ortiche una considerevole quantità di palloni (10 nei primi 20’) e soffrendo a rimbalzo, ha saputo mettere temporaneamente la testa avanti e successivamente reggere l’urto anche quando Milano, a metà del secondo quarto, ha tentato il nuovo mini-allungo con le triple di Datome e Roll (30-36).

In uscita dagli spogliatoi, dopo un primo tempo chiuso avanti 37-40, l'Olimpia Milano ci ha riprovato con maggior convinzione spingendosi fino al massimo vantaggio sul 39-49, propiziato dai canestri di Punter, LeDay e Shields. Dall’altra parte per l’ennesima volta è però arrivata la risposta dell’Asvel che con un 12-3 è riuscito ad entrare nei 10’ con sole quattro lunghezze di ritardo (52-56). Preludio del sorpasso, arrivato a metà della quarta frazione grazie a sei punti di fila di Cole (63-62). Una liberazione per gli uomini di Parker che hanno sciolto le briglie e allungato in maniera definitiva, spinti da un incontenibile LIghty e dalle triple da distanza siderale di Howard.

Leggi anche - Basket Serie A, Varese piega Brindisi e riaccende la corsa salvezza