Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
7 apr 2022

Eurolega, Milano piega l'Asvel al fotofinish e spera ancora nel terzo posto

I meneghini hanno sbancato l'Astroballe 81-80 e ora sperano nel colpaccio del Bayern con il Real per chiudere terzi

7 apr 2022
matteo airoldi
Sport
Malcom Delaney
Dinamo Banco di Sardegna Sassari -A|X Armani Exchange Milano
LegaBasket Serie A LBA UnipolSai 2021/2022
25° Giornata
PalaSerradimigni, Sassari 
03 Aprile 2022 - Ore 17:00
Foto C.Atzori / Ciamillo-Castoria
Malcom Delaney (Ciamillo)
Malcom Delaney
Dinamo Banco di Sardegna Sassari -A|X Armani Exchange Milano
LegaBasket Serie A LBA UnipolSai 2021/2022
25° Giornata
PalaSerradimigni, Sassari 
03 Aprile 2022 - Ore 17:00
Foto C.Atzori / Ciamillo-Castoria
Malcom Delaney (Ciamillo)

Lione (Francia), 7 aprile 2022 – Spettacolo ed emozioni all’Astroballe di Villeurbanne dove l’Armani AX Milano, nonostante un roster ridotto all’osso dalle tante assenze, ha piegato 81-80 l’ASVEL padrone di casa nell’ultimo turno di regular season di Eurolega. Un successo che permette all’Olimpia di sperare ancora nel terzo posto finale, che dipenderà però da un eventuale colpaccio del Bayern contro il Real Madrid. Viste le tante assenze, come detto, coach Messina questa sera ha attinto dalle cosiddette “seconde linee” ricevendo un ottimo contributo soprattutto da Tommaso Baldasso, autore di 13 punti. Sugli scudi nelle file milanesi, però, anche un Malcolm Delaney capace di portarsi a casa la palma di top scorer con 24 punti all’attivo. Nell’Asvel, che dopo aver condotto la prima parte di gara è finito in apnea nella seconda ma è comunque riuscito a risalire la china dalla doppia cifra di svantaggio, si sono invece messi in luce l’ex Cantù, Trento e Sassari David Lighty con 28 punti e il giovane prodigio Victor Wenbanyama con 18.
 

La gara


L’ASVEL ha subito cercato di prendere in mano le redini del match con l’energia di Kostas Antetokounmpo e le triple di Wembanyama (15-9), ma Milano è riuscita a limitare il passivo al suono della prima sirena con i guizzi di Hall e Bentil (23-20). Preludio alla zampata del sorpasso biancorosso, propiziata da Baldasso, Ricci e Hines (23-28). Pronta è però arrivata la nuova risposta transalpina: un 10-0 chiuso dall’ennesima tripla di Wembanyama, che ha permesso all’Asvel di prendere quell’abbrivio utile per chiudere avanti un primo tempo comunque molto equilibrato (41-40). Dopo la pausa Milano è rientrata sul parquet con una grinta rinnovata e un Delaney scatenato: sua la tripla del +8 esterno al culmine di un break milanese di 13-4 (45-53). Il vantaggio esterno è quindi cresciuto fino al +12 quando è salito in cattedra anche Baldasso (58-70), ma l’Asvel non si è dato per vinto e nel quarto quarto ha cambiato passo grazie ai soliti Lighty e Wembanyama che hanno portato fino al sorpasso sul 76-75. Dall’altra parte sempre Delaney e Baldasso hanno però tenuto in vita Milano riportandola avanti (76-80). I padroni di casa hanno comunque cercato di restare aggrappati al match e alla fine hanno sprecato l’opportunità dell’aggancio con Lighty che, dopo aver subito un antisportivo, ha mancato un libero fondamentale.

Leggi anche - Eurocup, la Virtus travolge Bourg e chiude quarta

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?